Facebook introduce l'opzione per giudicare se un articolo è attendibile 

Un 'tap' ci darà la possibilità di giudicare la fonte di un articolo. Cominciata la fase di sperimentazione, a breve disponibile su tutte le bacheche 

Facebook introduce l'opzione per giudicare se un articolo è attendibile 

Facebook ha iniziato a testare una nuova funzione grazie alla quale gli utenti potranno conoscere con un ‘tap’ tutte le informazioni necessarie per giudicare se la fonte di un contenuto è attendibile. Il pulsante con una semplice ‘i’, che presto potrebbe comparire sulle timeline di tutti gli utenti, mostrerà un piccolo riquadro nel quale sarà possibile leggere informazioni prese da Wikipedia, Facebook e altre fonti, che descrivono chi pubblica. Grazie a questo nuovo strumento l’utente potrà valutare se ritenere affidabile la fonte o il contenuto prima ancora di aprire l’articolo.

“Negli Stati Uniti solo il 53% degli americani si fida delle fonti che usa” ha spiegato Andrew Anker, direttore della sezione News di Facebook. “Così vogliamo fare in modo che sia possibile sapere di più su chi ha scritto un articolo, direttamente nel vostro Facebook Newsfeed”. Con la nuova funzione, che potrebbe chiamarsi ‘News Feed FYI’ (dove ‘FYI’ è la sigla per For Your Information, per vostra informazione), sarà possibile visualizzare anche una serie di informazioni sulla notizia che si sta visualizzando, come le aree nelle quali si è diffusa maggiormente e quali altre fonti hanno scritto sullo stesso argomento. Dalla consultazione di queste informazioni di contesto, il lettore dovrebbe essere in grado di avere un’idea più precisa sull’attendibilità della fonte.

L’iniziativa arriva in seguito alle pressioni che negli ultimi mesi hanno investito Facebook, dopo che associazioni di giornalisti, organizzazioni della società civile, sindacati, ma anche istituzioni e partiti politici hanno chiesto che il social network trovasse soluzioni pratiche al diffondersi delle fake news. Alla domanda su quali rischi possa comportare l’utilizzo di WIkipedia, che è una fonte modificabile da qualsiasi utente, un portavoce di Facebook ha risposto a TechCrunch: “Il vandalismo su Wikipedia è un’eventualità rara e sfortunata, che normalmente si risolve in fretta. Contiamo su Wikipedia per risolvere prontamente situazioni di questo tipo”.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it