Eterologa: Fvg approva atto regioni, ok a attivita'

(AGI) - Trieste, 12 set. - L'esecutivo del Friuli VeneziaGiulia ha recepito oggi l'atto approvato dalle Regioni e dalleProvince autonome lo scorso 4 settembre, aprendo allafecondazione eterologa il percorso che consentira' dieffettuarla in tutta l'Italia. Su proposta dell'assessore allaSalute, Politiche sociali e Famiglia, Maria Sandra Telesca,oltre a far propri i contenuti del "Documento sulleproblematiche relative alla fecondazione eterologa", la Giuntaha deliberato di consentire l'espletamento delle relativeprocedure nell'ambito dell'attivita' di Procreazionemedicalmente assistita (Pma). L'accordo interregionale che diventa con oggi strumentooperativo anche in Friuli Venezia Giulia ha valenzatransitoria, in attesa

(AGI) - Trieste, 12 set. - L'esecutivo del Friuli VeneziaGiulia ha recepito oggi l'atto approvato dalle Regioni e dalleProvince autonome lo scorso 4 settembre, aprendo allafecondazione eterologa il percorso che consentira' dieffettuarla in tutta l'Italia. Su proposta dell'assessore allaSalute, Politiche sociali e Famiglia, Maria Sandra Telesca,oltre a far propri i contenuti del "Documento sulleproblematiche relative alla fecondazione eterologa", la Giuntaha deliberato di consentire l'espletamento delle relativeprocedure nell'ambito dell'attivita' di Procreazionemedicalmente assistita (Pma). L'accordo interregionale che diventa con oggi strumentooperativo anche in Friuli Venezia Giulia ha valenzatransitoria, in attesa che il Parlamento legiferi in materia,ma, osserva l'assessore Telesca, "rappresenta un risultatoimportante e risponde all'esigenza di una fecondazioneeterologa regolamentata e controllata fissandone i cardiniprincipali, che sono la qualita' delle cellule riproduttive,garantita da un accurato screening dei donatori, e la gratuita'del dono". "E' stato elaborato uno strumento tecnicofinalizzato all'individuazione di una serie di regole chevincolano il donatore a fronte della soluzione del problemadell'infertilita' di coppia" osserva Maria Sandra Telesca, nelricordare come le caratteristiche richieste per l'accessoall'eterologa siano molto selettive (possono usufruirne soloconiugi o conviventi di sesso diverso, maggiorenni e di eta'potenzialmente fertile, con la donna che abbia non piu' di 50anni e sia in buone condizioni di salute, in modo da poteraffrontare positivamente una gravidanza) e che a cio' siaggiunge l'obbligo di una certificazione attestante la nondisponibilita' di ovociti validi per la donna, mentre perl'uomo le indicazioni alla donazione sono tutte situazionimediche e di sterilita' comprovata. Quest'attivita' nondovrebbe riguardare piu' di una quarantina di richieste l'annoed a svolgerla saranno i centri gia' autorizzati alla Pma ecioe' l'ospedale di Pordenone ed il Burlo di Trieste, entrambidotati di una banca per la conservazione dei gameti. Infine,per quanto riguarda il costo della prestazione, l'assessorericorda che la tariffa e' stata indicata dalle Regioni a milleeuro, ma anche in questo caso vale la regola del ticket, chesara' stabilito la prossima settimana in sede di Commissionenazionale sanitaria. .