Ebola: Ue, non si abbassi guardia, obiettivo fine epidemia

(AGI) - Bruxelles, 3 mar. - Anche se gli sforzi della comunita'internazionale hanno permesso di ridurre il numero di casi diEbola negli ultimi mesi, e' imperativo che si continui alottare contro il diffondersi del virus per evitare che ilcontagio torni ad aumentare e con l'obiettivo di porre fineall'epidemia. E' questo il tema fondamentale della conferenzainternazionale su Ebola, in corso a Bruxelles, che punta asostenere la mobilitazione internazionale e a pianificare leprossime tappe della lotta contro l'epidemia e piu' in generalecontro il virus di Ebola. Come ha detto il presidente dellaCommissioe

(AGI) - Bruxelles, 3 mar. - Anche se gli sforzi della comunita'internazionale hanno permesso di ridurre il numero di casi diEbola negli ultimi mesi, e' imperativo che si continui alottare contro il diffondersi del virus per evitare che ilcontagio torni ad aumentare e con l'obiettivo di porre fineall'epidemia. E' questo il tema fondamentale della conferenzainternazionale su Ebola, in corso a Bruxelles, che punta asostenere la mobilitazione internazionale e a pianificare leprossime tappe della lotta contro l'epidemia e piu' in generalecontro il virus di Ebola. Come ha detto il presidente dellaCommissioe europea Jean-Claude Juncker "mettere fineall'epidemia di Ebola e garantire lo sviluppo duraturo dellaregione coinvolta e' il modo migliore per onorare la memoriadelle vittime". L'Ue ha gia' complessivamente stanziato 1,2miliardi di aiuti per aiutare i paesi maggiormente colpiti(Sierra Leone, Guinea e Liberia) a combattere l'epidemia, cheha gia' registrato quasi 23 mila casi e oltre 9 mila morti."Ebola e' una sfida che dobbiamo continuare ad affrontarecollettivamente, rapidamente e in una prospettiva a lungotermine, anche per continuare a contribuire perche'nessun'altra epidemia possa avere tali effetti devastanti", hasottolineato l'Alto rappresentante per la politica estera UeFederica Mogherini. (AGI) .