Ambiente: Istat, da 81 comuni italiani azioni eco compatibili

(AGI) - Roma, 5 dic. - Sono 81 su 116 i capoluoghi che al 31dicembre 2013 hanno aderito al Patto dei sindaci, (impegnandosia ridurre le emissioni di CO2 di almeno il 20% entro il 2020) e50 hanno gia' approvato il Piano di azione per l'energiasostenibile in tema di strumenti innovatori di programmazioneeco compatibile. Lo rivela l'Istat nell'indagine "Ambienteurbano: gestione eco compatibile e smartness". A favore dellagestione eco sostenibile dei rifiuti, la raccolta porta a portanel 2013 e' attiva in 101 capoluoghi, il ritiro su chiamatadegli ingombranti in 111 (in 79 esteso

(AGI) - Roma, 5 dic. - Sono 81 su 116 i capoluoghi che al 31dicembre 2013 hanno aderito al Patto dei sindaci, (impegnandosia ridurre le emissioni di CO2 di almeno il 20% entro il 2020) e50 hanno gia' approvato il Piano di azione per l'energiasostenibile in tema di strumenti innovatori di programmazioneeco compatibile. Lo rivela l'Istat nell'indagine "Ambienteurbano: gestione eco compatibile e smartness". A favore dellagestione eco sostenibile dei rifiuti, la raccolta porta a portanel 2013 e' attiva in 101 capoluoghi, il ritiro su chiamatadegli ingombranti in 111 (in 79 esteso anche ad altre tipologiedi rifiuto). Ben 105 comuni hanno isole ecologiche e 38stazioni mobili per il conferimento diretto da parte deicittadini, 97 hanno attivato interventi programmati di raccoltadei rifiuti abbandonati. Permangono inefficenze nell'erogazionedell'acqua potabile: nel 2012 le dispersioni delle reti didistribuzione comunali sono pari al 34%. Il settore dellamobilita' e' tra i piu' dinamici per l'applicazione ditecnologie innovative da parte dei comuni. Nel 2013, Genova eBologna hanno l'offerta piu' completa di servizi diinfomobilita'; quasi la meta' dei comuni dispone di pannelli amessaggio variabile su strada (56), offre informazioni via websul trasporto pubblico (52), dispone di paline elettronichealle fermate (50). Piu' di un terzo delle citta' utilizza"semafori intelligenti" e poco meno permette la ricarica deiveicoli elettrici in aree pubbliche. Diffusi gli investimenti"smart" di efficientamento dell'illuminazione pubblica: nel2013 il 14,6% dei punti luce ha un sistema di regolazione delflusso luminoso; il 4,8% utilizza lampade a LED e una piccolaquota in forte crescita e' fotovoltaica (0,7?; +44,6% in unanno). Nel campo delle fonti rinnovabili e dell'uso efficientedell'energia, 105 comuni producono in proprio energia solarefotovoltaica, 6 comuni quella idroelettrica, 3 energia eolica ealtrettanti la geotermica. Il teleriscaldamento e' presente in34 capoluoghi; 78 citta' dispongono di propri impianti solaritermici, 20 a biomasse e/o biogas e 24 pompe di calore ad altaefficienza. Le "Zone 30" sono presenti in 63 capoluoghi nel2013 (9 in piu' rispetto al 2012), i servizi di bike sharing in58 citta' (10 in piu' in un biennio) con oltre 1.000 punti diprelievo (+42%) e quasi 10 mila biciclette (+62%). Il carsharing e' attivo nel 2013 in 22 citta', con circa 1.000veicoli (il 23% elettrici) e oltre 25 mila abbonati (+36% in unbiennio). Per favorire gli utenti e la trasparenza dei processisono diffusi i servizi on line: nel 2013, 51 capoluoghi nehanno attivato almeno 3 di tipo anagrafico; 38 offrono lapossibilita' di prenotare appuntamenti con referenti degliuffici comunali; 39 consentono il pagamento per almeno due tipidi servizi o tributi. Forme di progettazione partecipata sonostate sperimentate fino al 2013 in 76 capoluoghi; alla stessadata, tra le forme di reporting eco sociale, 49 comuni hannoredatto almeno un bilancio ambientale e 60 un bilancio sociale.I comuni applicano azioni di self governance per migliorarel'efficienza e la sostenibilita' degli uffici e dei processiamministrativi: nel 2013 la Certificazione ISO14001 e laRegistrazione EMAS sono conseguite rispettivamente in 42 e 11citta' (per l'intera amministrazione, parte di essa o per glienti partecipati); Mantova, Belluno, Udine, Ravenna e Chieti lemantengono entrambe nell'ultimo biennio. Le citta che hannoeffettuato i cosi' detti "acquisti verdi" sono 33, conapplicazione di almeno un Criterio ambientale minimo (CAM) pertutte le forniture di beni o servizi normati dal Ministerodell'ambiente; sono 25 i capoluoghi che non hanno applicato CAMper acquisti nel 2013. Aumenta (+6,4% rispetto al 2012) lacarta acquistata dal complesso delle amministrazioni madiminuisce invece sia la quota di risme di carta riciclata(-4,5 punti percentuali) sia quella di tipo eco-compatibile (dicirca un punto percentuale). Nel 2013 si riduce il parcoveicolare ecologico in dotazione alle amministrazioni (-8%): in27 e 40 capoluoghi rispettivamente, la quota di veicolielettrici e/o ibridi e quella dei veicoli a metano o Gpl sonosuperiori ai valori medi (2,6% e 13,6%). E' positiva laperformance della raccolta differenziata negli uffici comunali:114 citta' nel 2013 la effettuano almeno per alcune tipologiedi rifiuto, quasi la totalita' differenzia la carta e i toner,poco meno dell'80% la plastica, quasi il 60% i rifiuti daapparecchi elettrici e elettronici, circa il 50% pile ebatterie e piu' del 30% il vetro e i metalli. (AGI) .