Ambiente: Anbi, dissesto idrogeologico costa 2,5 mld l'anno

Ambiente: Anbi, dissesto idrogeologico costa 2,5 mld l'anno
 Pioggia alluvione allagamenti inondazioni - pixabay

Roma - Il dissesto idrogeologico costa all'Italia 2,5 miliardi di euro l'anno. Lo afferma il rapporto 2016 presentato dall'Anbi, l'Associazione dei consorzi di bonifica, questa mattina a Roma presso la sala polifunzionale della Presidenza del consiglio. Il dossier "Manutenzione Italia: azioni per #Italia sicura" sottopone al governo i progetti concreti per la cura e la tutela del territorio elborati dai consorzi. Secondo i dati del ministero dell'Ambiente, il 9,8% del territorio nazionale e' costituito da aree ad elevata criticita' idrogeologica: si tratta dell'82% dei Comuni, dove si stima che siano a rischio 6.250 scuole, 550 strutture sanitarie, circa 500 mila aziende, comprese quelle agricole, e 1.200.000 edifici residenziali e non.
Complessivamente sono 7.145 i comuni italiani che si trovano in aree minacciate da frane o da rischi idraulici (pari all'88,3%), mentre i comuni non situati in tali zone sono solamente 947. La popolazione italiana a rischio frane e' di 5.624.402 abitanti (1.224.000 abitanti nelle aree a maggiore pericolosita'); le imprese a rischio sono 362.369 (79.530 nelle aree a maggiore pericolosita'); 34.651 sono i beni culturali a rischio (10.335 nelle aree a maggiore pericolosita'). Il rapporto Anbi evidenzia, inoltre, che la popolazione a rischio alluvioni e' di 9.039.990 abitanti, le imprese a rischio sono 879.364, i beni culturali a rischio sono 40.454, le superfici artificiali a rischio si estendono su 292.690 ettari. Le cause di questo dissesto sono quelle note: l'intensa urbanizzazione, che si e' sviluppata senza tenere conto delle aree fragili dal punto di vista idrogeologico, e il contemporaneo abbandono delle aree collinari e montane da parte della popolazione, fenomeni aggravati dai cambiamenti climatici. L'impermeabilizzazione rappresenta la principale causa di degrado del suolo in Europa, sottolinea il rapporto che mette in evidenza un dato rilevante: nel nostro Paese il consumo del territorio continua a crescere, pur segnando un rallentamento negli ultimi anni. Tra il 2013 e il 2015 le nuove coperture artificiali hanno riguardato altri 250 chilometri quadrati di territorio, ovvero in media circa 35 ettari al giorno. Nel processo di impermeabilizzazione, circa 4 metri quadrati di suolo nell'ultimo periodo sono stati irreversibilmente persi ogni secondo. Dopo aver toccato anche gli 8 metri quadrati al secondo degli anni 2000, il rallentamento iniziato nel periodo 2008-2013 si e' consolidato negli ultimi due anni. In termini assoluti si stima che il consumo di suolo abbia intaccato ormai circa 2.110.000 ettari del nostro territorio. (AGI)