Aids: Maga (Cnr), da Oms valido approccio per prevenzione tra gay

(AGI) - Roma, 11 lug. - "L'assunzione degli antiretroviralicome profilassi pre-esposizione potrebbe essere un buonapproccio per prevenire nuove infezioni anche in Italia, dove icasi di contagio tra gli omosessuali sono in aumento". Lo hadetto all'AGI Giovanni Maga dell'Istituto di Geneticamolecolare del Cnr e autore del libro "Aids: la verita'negata", commentando le nuove linee guida dell'Organizzazionemondiale della sanita' (Oms). "Nel nostro paese - ha detto Maga- c'e' un aumento tendenziale dei casi tra gli omosessuali. Inparticolare, si tratta di un aumento del 5 per cento dal 2011al 2012. La trasmissione sessuale

(AGI) - Roma, 11 lug. - "L'assunzione degli antiretroviralicome profilassi pre-esposizione potrebbe essere un buonapproccio per prevenire nuove infezioni anche in Italia, dove icasi di contagio tra gli omosessuali sono in aumento". Lo hadetto all'AGI Giovanni Maga dell'Istituto di Geneticamolecolare del Cnr e autore del libro "Aids: la verita'negata", commentando le nuove linee guida dell'Organizzazionemondiale della sanita' (Oms). "Nel nostro paese - ha detto Maga- c'e' un aumento tendenziale dei casi tra gli omosessuali. Inparticolare, si tratta di un aumento del 5 per cento dal 2011al 2012. La trasmissione sessuale rende conto di circa l'80 percento dei casi totali e all'interno di questa fetta il 42 percento e' etero e il 38 per cento omosessuale". La strategia dell'Oms di assumere i farmaci antiretroviralicome forma di prevenzione potrebbe, secondo l'esperto, essereuna buona strategia. "Diversi studi clinici hanno dimostratoche l'assunzione di un cocktail di farmaci che ha in comune glistessi principi attivi della terapia antiretrovirale puo'ridurre in maniera significativa il rischio di infettarsi", hadetto Maga. "Al momento non sono state emanate linee guida inEuropa e in Italia che recepiscano la profilassipre-esposizione che dallo scorso maggio e' stata approvatanegli Stati Uniti dove e' coperta dalle assicurazioni mediche".Ma presto altri paesi potrebbe seguire l'esempio. "Le nuovelinee guida dell'Oms potrebbero accelerare l'approvazione intempi brevi anche in molti altri paesi", ha detto Maga. "Sedovesse funzionare come ci si aspetta - ha aggiunto - potrebbeavere un impatto positivo straordinario, evitando a milioni dipersone di contrarre l'Hiv". Ma l'esperto invita a nonsostituire la profilassi con altri metodi di prevenzione comel'uso del preservativo. "Bisogna stare attenti - ha detto Maga- a non trasformare questa nuova strategia in un'arma a doppiotaglio. C'e' infatti il rischio che le persone si sentano piu'sicure assumento gli antiretrovirali in via preventiva e chenon utilizzino di conseguenza il preservativo nei rapportisessuali. Bisogna tenere bene a mente che la miglior arma adisposizione contro l'Hiv rimane sempre l'utilizzo di unaprotezione nei rapporti sessuali". (AGI).