Agenda digitale: sottoscritta intesa Regioni centro Italia

(AGI) - Perugia, 23 mar. - "Il protocollo che sigliamo stamanipone le Regioni al centro del processo per l'attuazionedell'agenda digitale nel nostro Paese": lo ha affermatol'assessore all'innovazione ed agenda digitale della RegioneUmbria, Fabio Paparelli, intervenendo a Perugia, all'evento'#AdUmbria2015', organizzato dalla Regione e dalla Scuola Umbradi Amministrazione Pubblica, nel corso del quale e' statosottoscritto in forma digitale, il protocollo d'intesa tra leRegioni Umbria, Emilia Romagna, Marche, Toscana e Lazio el'Agenzia per l'Italia digitale, per l'attuazione in comunedell'agenda digitale. All'incontro e' intervenuto ilsottosegretario di Stato per la semplificazione e la Pa,

(AGI) - Perugia, 23 mar. - "Il protocollo che sigliamo stamanipone le Regioni al centro del processo per l'attuazionedell'agenda digitale nel nostro Paese": lo ha affermatol'assessore all'innovazione ed agenda digitale della RegioneUmbria, Fabio Paparelli, intervenendo a Perugia, all'evento'#AdUmbria2015', organizzato dalla Regione e dalla Scuola Umbradi Amministrazione Pubblica, nel corso del quale e' statosottoscritto in forma digitale, il protocollo d'intesa tra leRegioni Umbria, Emilia Romagna, Marche, Toscana e Lazio el'Agenzia per l'Italia digitale, per l'attuazione in comunedell'agenda digitale. All'incontro e' intervenuto ilsottosegretario di Stato per la semplificazione e la Pa, AngeloRughetti, che ha evidenziato come l'innovazione tecnologicarappresenti "uno dei perni intorno ai quali ruota ilcambiamento che, prima di tutto, e' culturale". Attraverso il documento si vuole avviare un percorsocollaborativo tra le Regioni e l'AgID, per attuare azioniinterregionali di sistema, individuare e sviluppare soluzioni eprassi comuni, monitorare i risultati ottenuti per la crescitadigitale, nonche' promuovere la diffusione della cultura edelle competenze digitali nei territori regionali in un quadroche massimizzi i risultati e permetta di creare delle comunita'di pratica sostenibili e di livello interregionale, conparticolare attenzione al tema delle competenze managerialilegate al digitale, sia in ambito pubblico che privato. Con ildigitale si vuole favorire l'apertura delle pubblicheamministrazioni e dei servizi attraverso lo sviluppo di opendata, open source, open access ed open gov, che vuol direamministrazione aperta, semplificazione e trasparenza,partecipazione e collaborazione civica.(AGI).