Buona la prima della Nazionale di Mancini: 2-1 all'Arabia, segnano Balotelli e Belotti

  • Photo:  Fabrice Coffrini/Afp
     L'Italia batte l'Arabia Saudita 2-1 in amichevole nella prima partita con Roberto Mancini in panchina.
  • Photo:  Fabrice Coffrini/Afp
     L'Italia batte l'Arabia Saudita 2-1 in amichevole nella prima partita con Roberto Mancini in panchina. 
  • Photo:  Fabrice Coffrini/Afp
     L'Italia batte l'Arabia Saudita 2-1 in amichevole nella prima partita con Roberto Mancini in panchina. 
  • Photo:  Fabrice Coffrini/Afp
     L'Italia batte l'Arabia Saudita 2-1 in amichevole nella prima partita con Roberto Mancini in panchina. 
  • Photo:  Fabrice Coffrini/Afp
     L'Italia batte l'Arabia Saudita 2-1 in amichevole nella prima partita con Roberto Mancini in panchina. 
  • Photo:  Fabrice Coffrini/Afp
      L'Italia batte l'Arabia Saudita 2-1 in amichevole nella prima partita con Roberto Mancini in panchina.
  • Photo:  Fabrice Coffrini/Afp
     L'Italia batte l'Arabia Saudita 2-1 in amichevole nella prima partita con Roberto Mancini in panchina. 
  • Photo:  Fabrice Coffrini/Afp
      L'Italia batte l'Arabia Saudita 2-1 in amichevole nella prima partita con Roberto Mancini in panchina.
  • Photo:  Fabrice Coffrini/Afp
      L'Italia batte l'Arabia Saudita 2-1 in amichevole nella prima partita con Roberto Mancini in panchina.
  • Photo:  Fabrice Coffrini/Afp
     L'Italia batte l'Arabia Saudita 2-1 in amichevole nella prima partita con Roberto Mancini in panchina. 
  • Photo:  Fabrice Coffrini/Afp
     L'Italia batte l'Arabia Saudita 2-1 in amichevole nella prima partita con Roberto Mancini in panchina. 
28 maggio 2018,21:54

Buona la prima di Roberto Mancini sulla panchina di commissario tecnico dell'Italia: questa sera la nazionale azzurra ha sconfitto 2 a 1 l'Arabia Saudita nella gara disputata a San Gallo, in Svizzera. Ed è stato Balotelli, tornato in nazionale dopo quattro anni, ad aprire le marcature azzurre con una rasoiata delle sue al 20' del primo tempo, con il pallone che si è infilato alla destra del portiere avversario Ol Awais. C'è stata poi la traversa colpita in pieno da Criscito al 40'.
Nella ripresa, cambio al 58' tra Balotelli e Belotti, e l'attaccante in forza al Torino va a segno al 69' colpendo di testa su calcio d'angolo battuto da Jorginho dalla bandierina e riprendendo e mettendo in rete la palla respinta corta dal portiere avversario. L'Arabia Saudita non ha però mollato e dopo tre minuti accorcia sfruttando con Al Dawsari un pallone perso da Zappacosta e subito rilanciato in profondita verso Al Shehri, il quale ha quindi saltato Donnarumma in uscita, è entrato in area e a porta vuota ha messo in rete. Poi ci sono state altre occasioni azzurre ed anche contropiedi arabi, ma alla fine il risultato è rimasto 2 a 1 per l'Italia, il minimo necessario ma anche un motivo di ottimismo per un nuovo corso del calcio azzurro. 



28 maggio 2018,21:54

Buona la prima di Roberto Mancini sulla panchina di commissario tecnico dell'Italia: questa sera la nazionale azzurra ha sconfitto 2 a 1 l'Arabia Saudita nella gara disputata a San Gallo, in Svizzera. Ed è stato Balotelli, tornato in nazionale dopo quattro anni, ad aprire le marcature azzurre con una rasoiata delle sue al 20' del primo tempo, con il pallone che si è infilato alla destra del portiere avversario Ol Awais. C'è stata poi la traversa colpita in pieno da Criscito al 40'.
Nella ripresa, cambio al 58' tra Balotelli e Belotti, e l'attaccante in forza al Torino va a segno al 69' colpendo di testa su calcio d'angolo battuto da Jorginho dalla bandierina e riprendendo e mettendo in rete la palla respinta corta dal portiere avversario. L'Arabia Saudita non ha però mollato e dopo tre minuti accorcia sfruttando con Al Dawsari un pallone perso da Zappacosta e subito rilanciato in profondita verso Al Shehri, il quale ha quindi saltato Donnarumma in uscita, è entrato in area e a porta vuota ha messo in rete. Poi ci sono state altre occasioni azzurre ed anche contropiedi arabi, ma alla fine il risultato è rimasto 2 a 1 per l'Italia, il minimo necessario ma anche un motivo di ottimismo per un nuovo corso del calcio azzurro.