La percentuale dei contratti a tempo determinato in Italia è davvero in linea con quella europea?

Abbiamo verificato le dichiarazioni del deputato del Partito democratico Stefano Lepri 

contratti tempo determinato italia
Facebook 
Stefano Lepri 

Stefano Lepri, deputato del Partito democratico, il 26 luglio ha dichiarato: “Tempo determinato, [la] percentuale [italiana è] in linea con quella europea”.

Si tratta di un’affermazione imprecisa, ma sostanzialmente corretta.

La percentuale di contratti a tempo determinato

In base ai dati Eurostat più recenti a disposizione, in Italia la percentuale di contratti a tempo determinato sul totale è del 15,7 %.

La media dell’Unione europea a 28 Stati è invece del 13,9%, quasi due punti in meno. Quella dei 19 Paesi che hanno l’euro (l’Eurozona) è invece esattamente identica a quella italiana, al 15,7%.

Tra i Paesi europei grandi e medio-grandi hanno una percentuale inferiore la Germania (12,5%) e il Regno Unito (appena il 5,5%), mentre una superiore la Francia (16,5%), la Polonia (25,3%) e la Spagna (26,2%), che detiene la percentuale più alta della Ue.

Percentuali bassissime si registrano invece in Romania (1,2%) e Bulgaria (3,5%), e nelle repubbliche baltiche (Estonia 2,2%, Lettonia 2,7% e Lituania 1,2%). Parte di queste differenze, naturalmente, si spiega anche con la diversità delle legislazioni nazionali sul lavoro e delle tipologie contrattuali.

Conclusione

La percentuale di contratti a tempo determinato in Italia è leggermente superiore (circa 2 punti) rispetto a quella della Ue a 28 Stati ed è invece identica a quella dell’Eurozona. Dunque Lepri è impreciso, ma ha sostanzialmente ragione, nel dire che la percentuale italiana sia in linea con quella europea.

https://www.sharethefacts.co/share/143e3c07-9d8f-4120-a47f-d3be3be33013

Se avete delle frasi o dei discorsi che volete sottoporre al nostro fact-checking, scrivete a dir@agi.it

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it