Yemen: Riad, truppe 10 Paesi all'attacco contro sciiti Houthi

(AGI) - Washington, 26 mar. - L'Arabia Saudita e' entrata inazione in Yemen insieme ad altri 9 Paesi, inclusi i 5 dei 6membri del Consiglio di Cooperazione del Golfo, tutti sunniti.Le truppe ammassate da ieri al confine meridionale del regnosono intervenute nello Yemen per difendere il governo delpresidente, il sunnita Abd-Rabbu Mansour Hadi, contro l'assaltodei ribelli sciiti Houthi, sostenuti, secondo lo stesso Hadi eRiad, dall'Iran, culla dello sciismo e della'ex presidente AliAbdullah Saleh. Lo ha annunciato l'ambasciatore saudita aWashington. L'ambasciatore Adel al-Jubeir ha chiarito daWashington che l'attacco e' stato iniziato

(AGI) - Washington, 26 mar. - L'Arabia Saudita e' entrata inazione in Yemen insieme ad altri 9 Paesi, inclusi i 5 dei 6membri del Consiglio di Cooperazione del Golfo, tutti sunniti.Le truppe ammassate da ieri al confine meridionale del regnosono intervenute nello Yemen per difendere il governo delpresidente, il sunnita Abd-Rabbu Mansour Hadi, contro l'assaltodei ribelli sciiti Houthi, sostenuti, secondo lo stesso Hadi eRiad, dall'Iran, culla dello sciismo e della'ex presidente AliAbdullah Saleh. Lo ha annunciato l'ambasciatore saudita aWashington. L'ambasciatore Adel al-Jubeir ha chiarito daWashington che l'attacco e' stato iniziato dalle truppe sauditealle 19 ora della Costa orientale americana (mezzanotte inItalia) per "difendere il legittimo governo" yemenita di Hadisu richiesta esplicita di quest'ultimo. Gli Stati Uniti, haspecifcato, non stanno partecipando in alcun modo all'attaccoche coinvolge esclusivamente Paesi musulmani. L'azione non silimitera' ad alcune citta' yemenite ma a tutto il Paese perche'"il fallimento (come Stato) dello Yemen non e' un'opzione(accettabile) per noi", ha proseguito al-Jubeir L'ambasciatorenon ha voluto fornire indicazione su dove Hadi si siarifugiato, dopo aver abbandonato la sua residenza ad Aden,l'importante porto meridionale dove si era stabilito dopo ladefenestrazione da Sanaa. Ha insistito che Hadi ed il suogoverno continuano a guidare legittimamente lo Yemen. Ildiplomatico ha anche sottolineato che l'azione e' giustificatasulle norme previste dalla 'carta' costitutiva delle NazioniUnite e della Lega Araba e includera' raid aerei contro lepostazioni degli sciiti Houthi che da settembre controllano lacapitale Sanaa e che stanno avandando da gionri su Aden. Daultimo al-Jubeir ha lanciato l'allarme per la notizia che gliHouthi hanno il controllo di missili balistici, in grado diraggiungere obiettivi negli Stati confinanti, e delleaeronautica militare yemenita. Gli Stati Uniti sono statiinformati dell'intervento armato delle truppe di Riad in Yemendalla stessa Arabia Saudita prima che le forze del regnosunnita, alla guida di una colazione di 10 Paesi musulmani,lanciassero alla mezzanotte italiana l'attacco contro i ribellisciiti Houthi nello Yemen. Lo fanno sapere fontidell'amministrazione Obama, aggiungendo che le truppe americanenon sono coinvolte direttamente nell'azione ma il Pentagonofornisce sostegno (intelligence soprattutto) all'Arabia Sauditanelle operazioni in corso. Delle sei petromonarchie - tuttesunnite - del Consiglio di Cooperazione del Golfo (Persico)solo l'Oman (che confina ad ovest con lo Yemen) non stapartecipando all'intervento armato nel Paese contro i ribellisciiti Houthi per "proteggere" il governo del presidente, ilsunnita Abd-Rabbu Mansour Hadi, "dall'aggressione". E' quantoemerge dalla dichiarazione congiunta, in cui spiegano leragioni dell'azione, l'Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti,il Kuwait, il Bahrein ed il Qatar. Manca all'appello solo ilsultanato omanita. Era stato nei giorni scorsi lo stesso Hadiha chiedere un intervento armato di una coalizioni di "Paesivolenterosi" arabi. L'intervento armato in Yemen, iniziatodalla mezzanotte italiana, contro i ribelli sciiti Houthi,precipitera' la regione "in una guerra piu' ampia". Cosi' unodei leader Houthi sentito dalla rete al Jazeera, in cui hadenunciato l'operazione, guidata dalla sunnita Arabia Saudita,come un'aggressione cui risponderemo con coraggio. L'attacco hacausato un immediato aumento del prezzo del petrolio: il Brent,il greggio del Mare del Nord, e' cresciuto dello 0,7%. Il WestTexas Intermediate (quello americano) ha guadagnato l'1%. (AGI).