Siamo a 60 omicidi da inizio anno. Cosa sta succedendo a Londra?

Ancora morti per le strade del Regno Unito. Domenica sera un altro adolescente ammazzato con un colpo di pistola nel quartiere di Southwark e un 12enne e un 15enne feriti nel sobborgo di Harrow

Siamo a 60 omicidi da inizio anno. Cosa sta succedendo a Londra?
Foto: Isabel Infantes / Anadolu Agency / Afp 
 Southwark, London

Non si arresta l'ondata di violenza nel Regno Unito ormai diventato teatro di lotte tra gang rivali. Domenica sera un altro adolescente ammazzato con un colpo di pistola nel quartiere di Southwark, affacciato sul Tamigi nel sud di Londra, e altri due ragazzini, un 12enne e un 15enne, feriti a colpi d'arma da fuoco in due diversi punti di Harrow, sobborgo a nord della West London. 

60 omicidi da inizio anno

Da inizio anno la polizia sta indagando su oltre 60 omicidi metà dei quali - riporta la Bbc - sono avvenuti per accoltellamento. Nel solo mese di marzo, a Londra, sono stati accoltellati a morte 22 adolescenti. Se gli episodi di violenza dovessero continuare con questa intensità - si legge sul quotidiano Indipendent - nel 2018 le morti per accoltellamento potrebbero aumentare del 50% e superare le 121 vittime registrate nel 2017.

Una stima molto preoccupante considerato che già lo scorso anno i reati con arma da taglio in Inghilterra e nel Galles erano aumentati del 21% raggiungendo il massimo da sei anni, con quasi 37.000 crimini registrati dalla polizia. I numeri sono stati resi pubblici lo stesso giorno in cui la Polizia Federale ha accusato i conservatori " di aver perso il controllo sulla lotta al crimine". In risposta ai tagli del governo le forze armate hanno annunciato una fusione dei 32 distretti di polizia in 12 unità di comando allo scopo di risparmiare 325 milioni di sterline (circa 370 milioni di euro).

Siamo a 60 omicidi da inizio anno. Cosa sta succedendo a Londra?
Foto: Manuel Cohen / Mcohen / Afp
 Southwark, London

Il sindaco Khan a lavoro contro i crimini violenti

Come riporta il quotidiano La Repubblica, il sindaco di Londra Sadiq Khan ha definito l'ultimo delitto un "reato scioccante" e ha aggiunto: "Il crimine violento sta aumentando nel Regno Unito, stiamo facendo tutto il possibile per contrastare questa piaga inaccettabile. La Met Police ha istituito una nuova taskforce per crimini violenti e sta usando risorse addizionali del municipio per colpire i criminali violenti e togliere le armi dalle nostre strade". Ha poi rivolto, con il suo profilo Twitter, un pensiero di vicinanza ai familiari della vittima.

 

Guerriglia anche a Liverpool

L'ondata di violenza però, non si ferma a Londra, anche nelle altre città c'è una "guerra" in corso. L'ultimo caso a  Liverpool. Come si legge su "La Stampa", un ragazzo di 20 anni è morto sempre oggi nel centro di Liverpool dopo essere stato accoltellato. Polizia e paramedici sono intervenuti ad Hannover Street alle 4 dopo aver ricevuto notizie di un uomo ferito. Il giovane è stato portato in ospedale, ma è deceduto per le ferite riportate. "l crimine non sarà tollerato nel Merseyside e chi sarà trovato con un’arma sarà assicurato alla giustizia", ha detto Lee Turner, sovrintendente della polizia di Merseyside.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it