Baby Boateng sulle barrette Kinder, e partono attacchi razzisti - Foto

La gaffe di Pegida: "No ai bambini neri sul cioccolato Kinder". Ma sono i giocatori della Nazionale

Baby Boateng sulle barrette Kinder, e partono attacchi razzisti -   Foto
  "Via le foto dei neri dai Kinder", Ferrero replica: odioso razzismo

Roma - Le confezioni dei Kinder-Ferrero, edizione speciale per gli Europei di calcio 2016, fanno infuriare i sostenitori di Pegida in Germania. Sulle scatole infatti sorridono tanti bambini, ma non  tutti sono biondi e con gli occhi azzuri, alcuni sono di colore o hanno tratti oritentali. E allora gli iscritti al partito Pegida (movimento di destra tedesco antislamico e contro l'immigrazione) hanno colto l'occasione per diffondere messaggi d'odio, stigmatizzando la scelta dell'azienda italiana e lanciando appelli al boicottaggio delle amate barrette al cioccolato. "Mi fanno vomitare", "Non li compro più'", sono alcuni dei commenti comparsi nei post. 

Oltre a suscitare indignazione per la presa di posizione xenofoba, l'uscita ha anche fatto il giro del mondo per la gaffe che racchiude. I volti scelti per le confezioni, infatti, altro non sono che foto di alcuni giocatori della Nazionale tedesca, come Ilkay Gundogan e Jerome Boateng, ritratti da bambini. Una trovata pubblicitaria in vista dell'Europeo, insomma. La reazione dell'azienda non si è fatta attendere la Ferrero ha infatti diramato una nota per "prendere con forza le distanze da ogni tipo di discriminazione".