Nord Corea: figlia dell'ambasciatore "rapita" a Roma? Verifiche della Farnesina

Nord Corea: figlia dell'ambasciatore "rapita" a Roma? Verifiche della Farnesina

Sulla vicenda della figlia dell'ex ambasciatore nordcoreano a Roma, Jo Song-gil, la Farnesina "sta facendo in queste ore le verifiche necessarie". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, commentando la vicenda del rimpatrio forzato della 17enne, che viveva in Italia. "La Farnesina sta seguendo la vicenda da quando uscì tempo fa la notizia", ha detto Moavero alla Luiss a margine della presentazione del Master in "Fashion Law". "Insieme ai servizi competenti per queste vicende delicate", ha proseguito "stiamo normalmente portando avanti quelle che diventano le linee politiche nazionali rispetto a una questione di questo tipo, poi se ne trarranno le debite conclusioni". Secondo quanto riferito ha riferito da Seul l’ex vice ambasciatore nord-coreano a Londra, Thae Yong-ho,​ l'adolescente sarebbe stata prelevata con un blitz a Roma a novembre e riportata a Pyongyang. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.