Usa: Senato proroga fondi sicurezza, ma presto aeroporti a rischio

(AGI) - Washington, 28 feb. - Rischia di provocare la paralisidei controlli di sicurezza negli aeroporti americani il bracciodi ferro tra repubblicani e democratici al Congresso sui fondiper il Dipartimento per la Sicurezza Interna (Dhd). In extremisil Senato ha approvato una proroga dei fondi di una settimanache permettera' agli addetti ai controlli sui passeggeri dicontinuare a ricevere lo stipendio, evitando l'emergenza-budgetche sarebbe scattata alla mezzanotte americana. L'intesa e' arrivata dopo che in serata la Camera deirappresentanti aveva bocciato con 224 no contro 203 si' unaproposta di mediazione sostenuta dallo speaker repubblicano

(AGI) - Washington, 28 feb. - Rischia di provocare la paralisidei controlli di sicurezza negli aeroporti americani il bracciodi ferro tra repubblicani e democratici al Congresso sui fondiper il Dipartimento per la Sicurezza Interna (Dhd). In extremisil Senato ha approvato una proroga dei fondi di una settimanache permettera' agli addetti ai controlli sui passeggeri dicontinuare a ricevere lo stipendio, evitando l'emergenza-budgetche sarebbe scattata alla mezzanotte americana. L'intesa e' arrivata dopo che in serata la Camera deirappresentanti aveva bocciato con 224 no contro 203 si' unaproposta di mediazione sostenuta dallo speaker repubblicanoJohn Boehner che prevedeva una proroga dell'erogazione deifondi al Dipartimento per altre tre settimane. La votazione hasancito la spaccatura nel Grand Old Party, con l'alaconservatrice che minaccia di chiedere la rimozione di Boehner. Sullo sfondo della 'querelle' c'e' l'opposizione deirepubblicani ai provvedimenti sull'immigrazione voluti da Obamache prevedono la concessione di permessi di lavoro e limitialle espulsioni per immigrati che vivono illegalmente negliStati Uniti. Nel partito dell'elefantino il Tea Party e l'alaconservatrice non hanno digerito la maxi-sanatoria avviata dalpresidente per regolarizzare cinque milioni di stranieri senzapermesso di soggiorno e per questo negano i fondi alDipartimento che dovrebbe applicare la riforma. (AGI)