Usa: scontri New York dopo proscioglimento agente che uccise nero

(AGI) - New York - In centinaia sono scesi in strada aNew York per protestare contro la decisione del Grand juri di  [...]

(AGI) - New York, 4 dic. - In centinaia sono scesi in strada aNew York per protestare contro la decisione del Grand juri diLong Island, di non incriminare il poliziotto biancoresponsabile della morte per soffocamento dell'afro-americanoEric Garner. Ma non e' stata una nuova Ferguson, lemanifestazioni sono state pacifiche anche se non sono mancatiarresti, in prevalenza per blocco del traffico. "New York diceno" e' stato il motto della marcia con epicentro a Time Squarema dilagata in tutta la Grande Mela, compreso il blindatissimoRockfeller Center dove e' stata impedita la tradizionalecerimonia di accensione dell'albero di Natale. Gente di ognieta', razza e classe sociale ha voluto manifestare il suodissenso rispetto alla decisione del Grand juri'. Tra la follaanche l'osannato registra afro-americano Spike Lee con ilfiglio. Il quartiere dove Garner e' morto lo scorso 17 luglio,Staten Island, e' stato tappezzato con striscioni che recitano"non riesco a respirare", le parole che l'uomo ripete ben 11volte all'agente che lo tiene per il collo. A differenza diquanto non sia avvenuto a Ferguson, il Grand Juri' non hamotivato il verdetto. "Non capisco come possano aver escluso unnesso diretto tra la morte di Eric e l'azione dell'agente", hadichiarato la madre della vittima, "quale video giocoguardavano se non quello che tutto il mondo ha visto". Sulle tve i social media e' il filmato shock del poliziotto cheimmobilizza Garner, assalito dai poliziotti nonostante fossedisarmato e apparentemente innocuo, e' impazzato. Nel suo primo commento pubblico, l'agente Daniel Pantaleo,ha detto di pregare per la famiglia di Garner: "Sono diventatopoliziotto per proteggere gli altri, non e' mai stata miaintenzione fare del male e sono desolato per la morte delsignor Garner". Dura la reazione del presidente Barack Obama."Siamo di fronte ad una questione che riguarda tutta l'America.In questo Paese, fino a quando non saranno tutti uguali difronte alla legge - ha tuonato in tv - questo restera' unproblema. E il mio compito come presidente e' risolverlo". xxx Usa: agente non incriminato, marcia su Washington 13dicembre Una marcia su Washington il prossimo 13 dicembre contro leviolenze della polizia. Ad annunciarla e' stato il reverendo AlSharpton, uno dei principali leader della comunita'afro-americana, dopo la decisione del Grand juri' di LongIsland a New York di non incriminare l'agente che lo scorso 17luglio, a Staten Island, ha ucciso, soffocandolo, Eric Garner."E' arrivato il momento di una marcia nazionale per affrontareuna crisi nazionale", ha affermato Sharpton. "Prima Ferguson,poi New York, poi Cleveland: e' ora di portare tutti questicasi nella capitale per dire basta". xxxx Usa: nero ucciso a New York, indaghera' ministeroGiustizia Sara' avviata un'indagine federale sulla morte di Eric Garner,l'uomo disarmato e apparentemente innocuo soffocato da unagente a New York che lo blocco' tenendolo per il collo. Lo haannunciato mercoledi' sera il ministro della Giustizia, EricHolder mentre nella Grande Mela centinaia di manifestantiprotestavano contro la decisione del Grand juri' di LongIsland, a New York, di non incriminare l'agente Daniel Pantaleoper il decesso di Garner avvenuto lo scorso 17 luglio. Anchesulla morte del 18enne Michael Brown a Ferguson il ministrodella Giustizia ha annunciato un'indagine, sempre perviolazione dei diritti civili. .