Usa: gas testati su soldati neri durante II Guerra Mondiale

(AGI) - Washington, 23 giu. - Dagli archivi del Pentagonoemerge un nuovo orrore. Durante la II GUerra Mondialel'esercito americano condusse dei test con gas vescicantemostarda (il piu' noto e' la famigerata iprite del I conflitto)su 60.000 soldati americani, molti neri, orinetali, ispanici ealcuni bianchi per verificare come la pelle, solo sulla basedel colore, reagisse in modo diverso alle sostanze urticanti mapotenzialmente letali a dosi concentrate. E' quanto rivela unservizio della Npr (la radio pubblica americana) che racconta iparticolari di questo aberrante programma di test (che puo' inqualche modo ricordare gli

(AGI) - Washington, 23 giu. - Dagli archivi del Pentagonoemerge un nuovo orrore. Durante la II GUerra Mondialel'esercito americano condusse dei test con gas vescicantemostarda (il piu' noto e' la famigerata iprite del I conflitto)su 60.000 soldati americani, molti neri, orinetali, ispanici ealcuni bianchi per verificare come la pelle, solo sulla basedel colore, reagisse in modo diverso alle sostanze urticanti mapotenzialmente letali a dosi concentrate. E' quanto rivela unservizio della Npr (la radio pubblica americana) che racconta iparticolari di questo aberrante programma di test (che puo' inqualche modo ricordare gli esperimenti effettuati dai medicinazisti nei campi di concentramento) formalmente declassificatonel 1993 ma che finora non era venuto alla luce. La Npr fa ascoltare la testimonianza di Rollins Edwards,soldato nero che racconta che gli ufficiali al suo comandoordinarono, a lui e a decine di altri commilitoni, di entrarein quelle che a prima vista sembravano piccole stanzette dilegno per poi lasciarli all'interno dopo aver chiuso la portada fuori. Dopo poco da alcun tubi veniva fatto penetrare un mixdi gas mostarda e di un altro gas, la lewisite, ancora piudannoso del primo. "Mi sono sentito come se avessi presofuoco", racconta Edwards, oggi 93enne, "e sentivo gli altriragazzi urlare, gridare e cercare di rompere la porta. Alcunipersero i sensi. Solo alla fine aprirono le porte per lasciarciuscire e molti di questi tizi erano davvero in pessimecondizioni". Alla fine, dice sempre Edwards, "ci dissero cheeravamo sottoposti a questi test per vedere gli effetti diquesti gas sulla pelle nera". Ma il Pentagono non si limito' ad usare soldati americaniafroamericani. Uso anche nippo-americani e portoricani. Lastessa sorte tocco' ad una minoranza di bianchi usati come'cavie' normali per confrontare gli effetti dei gas sulla loropelle rispetto a quelle delle minoranze. Il tutto senza che poia nessuna delle vittime di questi test fosse concessaassistenza medica. Messo alle strette il Pentagono ha riconosciuto laveridicita' dell'inchiesta ma il portavoce, il colonnelloSteven Warren si e' affrettato ad operare una netta distinzionetra quanto faceva la Difesa nella II Guerra Mondiali, 70 annifa, e quanto accade oggi. (AGI) .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it