Assange oscurato per difendere Hillary Clinton

Il governo dell'Ecuador: staccato Internet in ambasciata a Londra, dove vive il fondatore di Wikileaks, per evitare interferenze nelle elezioni Usa

Assange oscurato per difendere Hillary Clinton
 Julian Assange, Wikileaks (AFP)

Quito - Il governo dell'Ecuador ha ammesso di aver temporaneamente ristretto l'accesso a Internet della sua ambasciata londinese, dove vive relegato Julian Assange, nel timore che il fondatore di Wikileaks possa usare la rete per interferire nelle elezioni americane. Con un comunicato, il governo di Quito ha tenuto a precisare che "rispetta il principio di non-intervento negli affari interni di altri Stati", ma aggiunge di aver 'oscurato' Assange perché "nelle ultime settimane, Wikileaks ha pubblicato un'enorme quantità di documenti che hanno un impatto sulla campagna elettorale americana".

 Wikileaks e Deep Web, ecco come file top secret finiscono in rete

Wikileaks aveva denunciato lunedì che ad Assange era stata "interrotta deliberatamente" la connessione a Internet e aveva collegato l''oscuramento', condotto da "un attore statale", alle rivelazioni sui Clinton. Secondo Wikileaks, il segretario di Stato Usa, John Kerry, ha chiesto all'Ecuador di fare in modo che l'hacker australiano, che dal giugno del 2012 vive con lo status di rifugiato nell'ambasciata ecuadoregna a Londra, non divulghi informazioni riservate sulla candidata democratica alla Casa Bianca, Hillary Clinton.

Wikileaks, 10 anni vissuti pericolosamente

Il giornalista australiano è ospite della legazione ecuadoregna, da quando la procura svedese ha spiccato due mandati di cattura nei suoi confronti per abusi sessuali. Londra ha concesso l'estradizione a Stoccolma, ma Assange teme sia solo un escamotage per consegnarlo agli Usa di cui (grazie alla talpa Bradley 'Chelsea' Manning) ha svelato oltre 260.000 file segreti del dipartimento di Stato e del Pentagono.

La mail di Hillary, "quando Silvio Berlusconi pianse davanti a me"

Recentemente Assange è tornato agli onori delle cronache perché Wikileaks ha iniziato a pubblicare le mail riservate della Clinton quando era segretario di Stato (2008-2009). E sabato ha pubblicato tre suoi discorsi pronunciati davanti agli uomini di Goldman Sachs e pagati da loro, che proverebbero i legami tra il Partito Democratico e Wall Street. Lo staff della Clinton non ha smentito l'autenticità dei documenti, peraltro partiti dall'account di posta elettronica del responsabile della campagna elettorale, John Podesta. Ma è tornato ad accusare il governo russo di essere la regia delle operazioni, come del resto sostiene anche l'amministrazione Obama. (AGI)