Ucciso in Bangladesh responsabile strage di italiani a Dacca

Colpito a morte in un raid della polizia un leader estremista islamico considerato uno dei registi dell'attentato al caffè Gulshan in cui morirono 22 persone

Ucciso in Bangladesh responsabile strage di italiani a Dacca
Strage di 9 italiani in Bangladesh Dacca (Afp) 

Dacca - E' stato ucciso dalla polizia un leader estremista islamico considerato uno dei responsabili dell'attentato dello scorso luglio a un caffe' di Dacca, in cui furono trucidati 9 italiani. Lo ha riferito la polizia. "Durante un raid a Dacca, nel sobborgo di Azimpur, i militanti hanno sparato contro le nostre forze e uno di essi e' rimasto ucciso nello scontro a fuoco, mentre tre donne sono rimaste ferite e sono poi state arrestate", ha spiegato il vicecommissario di polizia Mohammad Ibrahim.

Un funzionario dell'antiterrorismo, Sanwar Hossain, ha riferito che il leader estremista ucciso e' Abdul Karim, 35 anni, il vice di Tamim Chowdhury, leader del gruppo estremista islamico Jamayetul Mujahideen Bangladesh (JMB), considerato responsabile della strage nel caffe'. Chowdhury, canadese di origini cingalesi, era rimasto ucciso ad agosto durante uno scontro a fuoco con la polizia. Il funzionario ha aggiunto che Karim fu uno dei registi dell'attentato al caffe' Gulshan, in cui, oltre ai 9 italiani, furono uccise altre 13 persone. (AGI)