Turchia: tete-a-tete in stanza coniugale, carcerato uccide moglie

(AGI) - Istanbul, 20 mar. - Doveva essere un tete-a-tete in unadi quelle che, nelle carceri della Turchia, vengono definite'Pembe Oda', le 'stanze rosa' dove i detenuti possonotrascorrere del tempo con le loro spose. E, invece, e' finitain tragedia: approfittando dell'intimita', un carcerato turco,gia' condannato per omicidio, ha ucciso con un coltellino dafrutta la giovane moglie che era venuta a trovarlo. E' accaduto a Sivas, nell'Anatolia centrale; Metin Avci, 33anni, che scontava una condanna a 15 anni di carcere perl'omicidio di un parente, ha sgozzato la moglie Leyla Avci, 29anni, con

(AGI) - Istanbul, 20 mar. - Doveva essere un tete-a-tete in unadi quelle che, nelle carceri della Turchia, vengono definite'Pembe Oda', le 'stanze rosa' dove i detenuti possonotrascorrere del tempo con le loro spose. E, invece, e' finitain tragedia: approfittando dell'intimita', un carcerato turco,gia' condannato per omicidio, ha ucciso con un coltellino dafrutta la giovane moglie che era venuta a trovarlo. E' accaduto a Sivas, nell'Anatolia centrale; Metin Avci, 33anni, che scontava una condanna a 15 anni di carcere perl'omicidio di un parente, ha sgozzato la moglie Leyla Avci, 29anni, con il coltellino fornito dal carcere assieme a unvassoio di frutta per l'occasione speciale. L'uomo, secondo quanto riporta l'agenzia Dogan, ha tentatopoi il suicidio tagliandosi i polsi ma e' stato soccorso etrasportato in ospedale. Le 'stanze rosa' sono state introdotte in Turchia nel 2013in seguito a una riforma carceraria; i detenuti possonotrascorrervi dalle 2 alle 24 ore in completa intimita' con lemogli. (AGI)