Turchia: si infittisce giallo morte giornalista inglese Sutton

(AGI) - Londra, 20 ott. - Si addensa il mistero intorno allamorte della giornalista britannica, Jacky Sutton, dopo ladiffusione di un video a circuito chiuso che la mostracamminare tranquilla all'interno dell'aeroporto Ataturk diIstanbul, dove e' stata trovata impiccata domenica notte. Nelfilmato - ripreso dalle telecamere dello scalo e diffuso daimedia turchi - la reporter passa, in tutta calma, alcunicontrolli di sicurezza e poi percorre un'area di sosta. Nellaseconda parte del clip, la Sutton cammina con un sacchetto inmano, probabilmente acquistato al duty free. I media localiaveva riferito che la 50enne

(AGI) - Londra, 20 ott. - Si addensa il mistero intorno allamorte della giornalista britannica, Jacky Sutton, dopo ladiffusione di un video a circuito chiuso che la mostracamminare tranquilla all'interno dell'aeroporto Ataturk diIstanbul, dove e' stata trovata impiccata domenica notte. Nelfilmato - ripreso dalle telecamere dello scalo e diffuso daimedia turchi - la reporter passa, in tutta calma, alcunicontrolli di sicurezza e poi percorre un'area di sosta. Nellaseconda parte del clip, la Sutton cammina con un sacchetto inmano, probabilmente acquistato al duty free. I media localiaveva riferito che la 50enne aveva perso la coincidenza aereaper l'Iraq e per questo si era disperata, scoppiando a piangeree affermando di non avere i soldi per un altro biglietto. Diqui, avevano spiegato, la decisione di togliersi la vita in unbagno dell'aeroporto con i lacco delle scarpe. Tuttavia,secondo il quotidiano turco Haber Turk, nella tasca dellagiornalista sono stati ritrovati 2.300 euro, una sommaampiamente sufficiente per comprare un altro titolo di viaggio.Amici e colleghi de,lla donna ora invocano un'inchiestainternazionale. La versione raccontata, infatti, non convinceaffatto chi la conosceva e aveva lavorato con lei, tanto piu'che il suo predecessore in Iraq, Ammar al-Shahbander, era statoucciso cinque mesi fa proprio a Baghdad con un'autobomba. Egiusto a giugno la Sutton - che in passato aveva lavoratoall'Onu, alla Fao a Roma e anche come producer della Bbc dal'98 al 2000 - aveva espresso il timore di essere finita nelmirino del terrorismo, soprattutto per le sue ricerche sullaviolenza contro le donne da parte dei miliziani dell'Isis, sucui stava scrivendo una tesi di dottorato. Per non parlaredelle sue amicizie curde, di certo non ben viste dalla Turchiadi Recep Tayyip Erdogan, dove la sua morte - a poche settimanedal voto del 1 novembre - rischia di creare un vero e proprio'caso'. (AGI).