Terrorismo, allarme Ue "molto elevata minaccia in Europa"

De Kerchove "temiamo uso autobombe e armi chimiche"

Terrorismo, allarme Ue "molto elevata minaccia in Europa"
Isis, terrorismo Parigi cintura esplosiva in banlieue polizia francese 

Bruxelles - Nei paesi europei il livello di minaccia di attacchi terroristici si conferma "molto alto", a causa della molteplicita' delle possibili origini di tali attacchi. Lo ha detto il coordinatore dell'Ue per la lotta al terrorismo, Gilles De Kerchove, durante l'audizione in commissione Liberta'  civili del Parlamento europeo. Ci sono "almeno sei ragioni", ha spiegato, per un elevato livello di allerta. L'ampio numero di attentatori, gli attori solitari "che sono diretti o ispirati" dallo Stato islamico, "le persone affette da problemi mentali o che provano a emulare" gli attentatori dell'organizzazione terroristica, ma anche "il legame tra terrorismo e criminalita'", dato che "molti attentatori avevano un passato da criminale", e poi ancora internet e la questione dell'immigrazione. Infatti, ha confermato De Kerchove, "si utilizza il flusso dei migranti per infiltrare combattenti, muniti di documenti falsi".

"La Libia rappresenta un elemento di preoccupazione" per l'antiterrorismo europeo, in quanto e' destinata a diventare il punto di convergenza di tutti gli attuali affiliati dell'organizzazione terroristica nota come Stato Islamico o Daesh secondo l'acronimo arabo. Lo ha detto il coordinatore dell'Ue per la lotta al terrorismo, Gilles De Kerchove, durante un'audizione alla commissione Liberta'  civili del Parlamento europeo. In prospettiva si prevede "l'esodo dei combattenti quando il califfato collassera'". In quel caso, ha spiegato De Kerchove, "non centinaia, ma migliaia di combattenti, si nasconderanno in altri hotspot, e la Libia appare essere uno dei piu' probabili".

L'organizzazione terroristica nota come Stato Islamico (Isis o Daesh secondo l'acronimo arabo) potrebbe iniziare a colpire con metodi diversi da quelli finora utilizzati per i suoi attacchi. Lo ha detto il coordinatore dell'Ue per la lotta al terrorismo, Gilles De Kerchove, durante un'audizione alla commissione Liberta'  civili del Parlamento europeo. "Abbiamo paura che Daesh sviluppi piano piano altri modi di agire - ha spiegato - tra cui autobombe e armi chimiche". De Kerchove ha quindi insistito sulla necessita' di una maggiore collaborazione tra Stati membri: "tra le sfide che vedo - ha sottolineato - c'e' quella della raccolta, della condivisione e dell'analisi delle informazioni". (AGI)