Terra: iniziata VI estinzione di massa, l'uomo come i dinosauri

(AGI) - Londra , 20 giu. - La Terra e' e' entrata in una nuovafase di estinzione, la sesta, in cui l'uomo potra' essere trale prime vittime e scomparire come fecero i dinosauri, 65milioni di anni fa. Se non fosse per l'autorevolezza delle treuniversita' statunitensi autrici della ricerca, Stanford,Princeton e Berkeley, si penserebbe al copione di un ennesimofilm di fanta-presudoscienza apocalittica. Ma la cosa e' seria.I tre atenei Usa hanno verificato che i vertebrati (famiglia incui rientriamo anche noi bipedi) stanno scomparendo ad un ritmoche e' 114 volte quello normale. "Se

(AGI) - Londra , 20 giu. - La Terra e' e' entrata in una nuovafase di estinzione, la sesta, in cui l'uomo potra' essere trale prime vittime e scomparire come fecero i dinosauri, 65milioni di anni fa. Se non fosse per l'autorevolezza delle treuniversita' statunitensi autrici della ricerca, Stanford,Princeton e Berkeley, si penserebbe al copione di un ennesimofilm di fanta-presudoscienza apocalittica. Ma la cosa e' seria.I tre atenei Usa hanno verificato che i vertebrati (famiglia incui rientriamo anche noi bipedi) stanno scomparendo ad un ritmoche e' 114 volte quello normale. "Se non faremo nulla per fermare questo processo per lavita ci vorranno milioni di anni per riprendersi e la nostraspecie sara' probabilmente tra le prime a scomparire", haspiegato alla Bbc il responsabile della ricerca, GerardoCeballos. Lo studio, pubblicato nella rivista Science Advances, haanalizzato il tasso di scomparsa di specie di vertebratianalizzando i fossili di quelli gia' persi. Dal 1900, si leggenello studio, oltre 400 vertebrati sono scomparsi. Ma il ritmosta accelerando. Tra le cause il cambiamento climatico, l'inquinamento e ladeforestazione. Per citare un esempio, tra l'altro gia' noto, iricercatori ritengono che in appena tre generazioni umane sisaranno persi i benefici incalcolabili per l'agricoltura el'ambiente in generale dell'impollinazione operata dalla api,che stanno scomparendo. (AGI) .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it