Siria: timori escalation russa. Raid italiani? "ipotesi da valut"

(AGI) - Roma, 6 ott. - Si alzano i toni tra Nato e Mosca, in unclima di crescente tensione sulla crisi siriana. Il segretariogenerale della Nato, Jens Stoltenberg, si e' detto convinto chegli sconfinamenti dei Mig russi in territorio turco "non sianocasuali". Non solo: Stoltenberg ha detto che in Siria c'e'stato un sostanziale incremento di forze russe, di terra eanche navali davanti alle coste del Mediterraneo, lasciandointendere una possibile escalation nell'intervento militare.Mosca, pero', ha smentito che sia in atto o che sia inprogramma alcuna operazione che coinvolga le sue truppe di

(AGI) - Roma, 6 ott. - Si alzano i toni tra Nato e Mosca, in unclima di crescente tensione sulla crisi siriana. Il segretariogenerale della Nato, Jens Stoltenberg, si e' detto convinto chegli sconfinamenti dei Mig russi in territorio turco "non sianocasuali". Non solo: Stoltenberg ha detto che in Siria c'e'stato un sostanziale incremento di forze russe, di terra eanche navali davanti alle coste del Mediterraneo, lasciandointendere una possibile escalation nell'intervento militare.Mosca, pero', ha smentito che sia in atto o che sia inprogramma alcuna operazione che coinvolga le sue truppe diterra in Siria: il presidente della Commissione Difesa dellaDuma, l'ammiraglio Vladimir Komoyedov, ha aggiunto che laRussia sta bloccando qualsiasi tentativo dei suoi cittadini di"recarsi a combattere in Siria, sull'uno e sull'altro fronte".Da giorni circolavano notizie di volontari russi avvistati afianco delle forze regolari siriane. Lo stesso Komoyedovlunedi' non aveva escluso la possibilita' che volontari ceceniche hanno combattuto al fianco dei separatisti in Ucrainapotessero unirsi alle forze di Basahr al-Assad. La Russia si e' detta anche pronta a valutare l'estensionedei bombardamenti contro l'Isis all'Iraq, ha fatto sapere lapresidente del Senato,Valentina Matvienko, precisando chefinora non c'e' stata pero' una richiesta in questo senso. Oggi i caccia russi hanno bombardato la citta' siriana diPalmira, nelle mani dei miliziani dell'Isis. Secondo la tv diStato a Damasco, nell'attacco sono stati distrutti 20 veicoli etre depositi di armi. Nella provincia di Aleppo i caccia hannocolpito le citta' di Al-Bab e Deir Hafer, 20 chilometri a estdell'aeroporto militare sotto assedio da parte dell'Isis. Oggi comunque il governo turco ha denunciato la secondaviolazione in tre giorni del suo spazio aereo da parte di aereimilitari russi, il che ha innescato una nuova protestadiplomatica. Quanto all'Italia, il governo ha smentito le indiscrezionidi stampa secondo cui i tornado italiani sarebbero pronti abombardare l'Iraq: nessuna "decisione presa", solo "ipotesi davalutare" con gli alleati e comunque da sottoporre al vagliodal Parlamento, fanno sapere al ministero della Difesa. Inserata, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti e il collegadegli Esteri, Paolo Gentiloni, saranno ascoltati in Parlamento,per un'audizione gia' prevista sulle missioni italianeall'estero. La notizia di possibili raid aerei italianisull'Iraq in funzione anti-Isis cambierebbe radicalmente ilprofilo della partecipazione italiana alla coalizioneinternazionale contro il Califfato: finora i quattro TornadoIDS spediti poco meno di un anno fa nel teatro di operazionisino ad oggi - e sino ad ordine diverso - svolgono "esclusivicompiti di ricognizione". (AGI).