Russia: mette in dubbio indipendenza Lettonia, Estonia e Lituania

(AGI) - Mosca, 1 lug. - In una mossa potenzialmente tesa adalimentare ulteriormente la tensione tra Russia e Occidente, laprocura generale di Mosca ha deciso di aprire un'inchiestasulla legalita' della concessione dell'indipendenza nel 1991alle ex tre repubbliche sovietiche baltiche, Lituani, Estonia eLettonia. Tre Stati sovrani che fanno parte della Nato dal 2004e con i quali Mosca deve stare molto attenta a non innescareuna crisi molto piu' pericolosa di quella con l'Ucraina. Incaso di contestazioni o minacce i tre Paesi potrebbero invocarel'art. 5 dell'Allenza e chiedere la protezione di tutti iVentotto

(AGI) - Mosca, 1 lug. - In una mossa potenzialmente tesa adalimentare ulteriormente la tensione tra Russia e Occidente, laprocura generale di Mosca ha deciso di aprire un'inchiestasulla legalita' della concessione dell'indipendenza nel 1991alle ex tre repubbliche sovietiche baltiche, Lituani, Estonia eLettonia. Tre Stati sovrani che fanno parte della Nato dal 2004e con i quali Mosca deve stare molto attenta a non innescareuna crisi molto piu' pericolosa di quella con l'Ucraina. Incaso di contestazioni o minacce i tre Paesi potrebbero invocarel'art. 5 dell'Allenza e chiedere la protezione di tutti iVentotto Paesi della Nato. Ad avviare la rischiosa inchiesta sono stati due deputatidella Duma del partito Russia Unita del presidente VladimirPutin secondo i quali l'indipendenza venne riconoscita il 6settembre 1991 da "un organo incostituzionale", Il Consiglio diStato dell'allora Urss. L'iniziativa dei due deputati e' stata pero' disconiuta dalministro degli Esteri, Serghei Lavrov: "So solo abbiamorelazioni diplomatiche e convenzioni tra Stati (sovrani) con iPaesi baltici", ha tagliato corto il capo della diplomaizarussa. (AGI) .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it