Russia: diocesi fa distruggere scultura di Gesu' di spazzatura

(AGI) - Mosca, 8 giu. - Una scultura fatta di spazzatura erappresentante Gesu' in Croce e' stata distrutta a Omsk, inSiberia, su richiesta della diocesi ortodossa locale. Lo hariferito la radio Eco di Mosca, che ha intervistato ilgallerista Vasili Melnichenko, organizzatore della mostra"Spazio della molteplicita'", che esponeva la discussa opera."Si trattava di una replica del Cristo di Rio de Janeiro - haspiegato Melnichenko - dietro questa installazione vi e' l'ideache la scultura si trasforma in spazzatura, l'epoca in cuiviviamo da' luogo a una serie di fenomeni sociali e politiciche stanno

(AGI) - Mosca, 8 giu. - Una scultura fatta di spazzatura erappresentante Gesu' in Croce e' stata distrutta a Omsk, inSiberia, su richiesta della diocesi ortodossa locale. Lo hariferito la radio Eco di Mosca, che ha intervistato ilgallerista Vasili Melnichenko, organizzatore della mostra"Spazio della molteplicita'", che esponeva la discussa opera."Si trattava di una replica del Cristo di Rio de Janeiro - haspiegato Melnichenko - dietro questa installazione vi e' l'ideache la scultura si trasforma in spazzatura, l'epoca in cuiviviamo da' luogo a una serie di fenomeni sociali e politiciche stanno iniziando a distruggere l'archivio culturale".L'obiettivo, quindi, era dimostrare che anche un monumentoconosciuto in tutto il mondo, come il Cristo Redentore inBrasile, puo' trasformarsi in spazzatura se non si interviene.A detta dell'organizzatore, la diocesi di Omsk-Tara che si eralamentata della mostra, si sarebbe gia' rivolta al centro "E",preposto a combattere l'estremismo, a cui ha presentato formaledenuncia. Non si tratta del primo caso in cui la Chiesaortodossa russa entra in conflitto con manifestazioni dicarattere culturale, accusate di "offendere il sentimentoreligioso" o di essere estremiste. L'ultimo scandalo, finitoanche sui media internazionali, ha travolto il direttore delteatro dell'opera di Novoribirk, Boris Mezdrich, licenziatodopo aver messo in scena una produzione del Tannhauser diWagner contestata dalle autorita' religiose. .