Regge tregua in Ucraina, speranze di pace

(AGI) - Roma- La giornata di giovedi' ha segnatofinalmente un "reale" cessate il fuoco in Ucraina orientale,con 24 ore senza  [...]

(AGI) - Roma, 12 dic. - La giornata di giovedi' ha segnatofinalmente un "reale" cessate il fuoco in Ucraina orientale,con 24 ore senza azioni militari per la prima volta in settemesi, anche se la tregua e' ancora fragile. A segnalarlo e' ilpresidente Petro Poroshenko, mentre da Mosca il ministro degliEsteri russo Serghei Lavrov assicura che, con questo cessate ilfuoco, "c'e' l'opportunita' di arrivare alla pace" tra Kiev e iseparatisti filorussi. "Ho notizie positive", ha dichiaratoPoroshenko durante una visita ufficiale in dall'Australia."Quelle di oggi -a ha sottolineato - sono le prime 24 ore insette mesi, durante le quali abbiamo avuto un vero cessate ilfuoco in Ucraina". "Non potete immaginare - ha aggiunto il presidente - quantoquesto sia importante per me. E' la prima notte in cui nonabbiamo ne' perdite, ne' feriti tra i soldati ucraini. Tuttoresta molto fragile -ha poi ammesso - ma prego che questoprocesso continui". Il rispetto della tregua dichiaratomartedi', nella speranza di mettere fine al conflitto che inotto mesi ha fatto 4.300 vittime "sarebbe un grande passo perla pace e la stabilita'" nel Paese. Ieri, un portavocedell'esercito ucraino ha fatto sapere che 3 soldati erano statiuccisi e otto feriti nel giorno successivo l'entrata in vigoredell'ultima tregua, e ancora oggi secondo Kiev due civili sonorimasti feriti da alcuni spari isolati. Poroshneko e' tornato sul tema della Crimea - annessa a marzodalla Russia dopo un controverso referendum - dicendosiconvinto che la penisola sul Mar Nero tornera' all'Ucraina."Non ho dubbi su questo", ha dichiarato, "sono assolutamentesicuro che vinceremo la battaglia per la Crimea". SecondoLavrov "ora bisogna trovare il modo di far ripartire il lavorodel Gruppo di contatto, con la partecipazione deirappresentanti delle autoproclamate repubbliche di Donetsk eLugansk". Ma il ministro della Difesa ucraino Stepan Poltorak haannunciato che Kiev chiamera' alle armi nel 2015 40.000 soldatiin piu' e altri 10.000 saranno addestrati per prestare servizionel prossimo futuro loro servizio". L'anno prossimo le forzearmate passeranno quindi da 232.000 a 250.000 unita' e Poltorakha chiesto di raddoppiare il budget per le spese militari,portandolo a 2,5 miliardi di euro. Intanto un altro convoglio di aiuti umanitari russi perl'est Ucraina, il nono da agosto, ha attraverso il confine: e'formato da piu' di 130 vetture, oltre 80 dirette a Lugansk epiu' di 50 a Donetsk. I camion trasportano 1200 tonnellate diaiuti umanitari, tra cui generi alimentari e materiale edile.(AGI)