Ramadan: da oggi il digiuno per 1,5 miliardi di musulmani

(AGI) - Roma - Il Ramadan, detto anche il digiuno, e'il nono mese dell'anno musulmano. La sua cadenza e' variabile,essendo il  

(AGI) - Roma, 18 giu. - Il Ramadan, detto anche il digiuno, e'il nono mese dell'anno musulmano. La sua cadenza e' variabile,essendo il calendario islamico di tipo lunare. Quest'anno ildigiuno prende il via oggi e coinvolgera 1,5 miliardi dimusulmani (piu' del 23 per cento della popolazione mondiale),almeno secondo le piu' stime piu' recenti. Il Ramadan (che letteralmente vuol dire il 'torrido',perche' originariamente cadeva in estate) e' considerato ilmese piu' sacro, poiche' in questo periodo l'arcangelo Gabrielerivelo' a Maometto il primo verso del Corano. Per 30 giornitutti i musulmani debbono astenersi dal bere, mangiare, fumaree dal praticare attivita' sessuali dall'alba fino al tramonto.Sono esenti dal digiuno i minorenni, gli anziani, i malaticronici, le donne in stato di gravidanza o che allattano.Ugualmente, l'astinenza va interrotta durante il periodomestruale. Poco prima dell'aurora e' uso consumare un pastoleggero, detto suhur, per poter affrontare la giornata. Altramonto del sole, il digiuno viene rotto consumando dapprimadei datteri, proprio come faceva il Profeta. Il Ramadan hasoprattutto un significato spirituale: mese dellapurificazione, e' il periodo in cui il fedele imparal'autodisciplina, il controllo degli impulsi fisici, lapazienza e l'amore per Dio nonche' l'appartenenza allacomunita'. Durante il digiuno e' pratica comune recarsi inmoschea; oltre alle cinque preghiere giornaliere, i musulmaniusano raccogliersi in una speciale preghiera notturna dettaTaraweeh. Il mese sacro si chiude con l'Eid al-Fitr, laprincipale festivita' musulmana insieme alla Eid al-Adha (checommemora la buona volonta' di Abramo di sacrificare a Dio ilfiglio Isacco). I festeggiamenti durano tre giorni conpreghiere, atti di carita', visite ai parenti lontani, scambiodi regali e banchetti. (AGI) .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it