Prove di disgelo tra Usa e Russia a Sochi

Il segretario di Stato Mike Pompeo incontra Vladimir Putin. Ma le distanza su numerosi dossier, dall'Iran al Venezuela, rimangono forti

pompeo putin sochi

Stati Uniti e Russia vogliono inaugurare una nuova fase delle relazioni bilaterali tra i due Paesi. È il dato più significativo emerso dall'incontro a Sochi tra Vladimir Putin e Mike Pompeo, ma non è ancora chiaro se sarà destinato ad avere conseguenze su dossier come quello venezuelano e iraniano, che vedono Mosca e Washington su posizioni del tutto divergenti tra loro. "Sono qui oggi perché il presidente Trump si è impegnato a migliorare questi rapporti", ha detto il segretario di Stato americano incontrando il collega Serghei Lavrov prima di essere ricevuto dal capo del Cremlino.

Sul tavolo di Putin e Pompeo vi erano i dossier relativi a "Iran, Siria, Venezuela, la denuclearizzazione della penisola coreana e altre possibili questioni", aveva spiegato il portavoce del presidente russo, Dmitry Peskov. Altri dossier aperti tra Mosca e Washington sono il Russiagate (l'inchiesta del procuratore speciale americano Robert Mueller è stata "abbastanza obiettiva" e ha dimostrato l'assenza di collusione tra Mosca e l'attuale amministrazione Usa, ha poi affermato Putin) e i casi di cittadini americani e russi detenuti nei due Paesi (Maria Butina, l'unica russa condannata dalla giustizia Usa per la presunta interferenza di Mosca nelle elezioni americane del 2016, e lo statunitense Paul Whelan, accusato di spionaggio).

Putin e Pompeo hanno discusso, inoltre, del possibile nuovo summit tra i due presidenti: ieri la Casa Bianca aveva affermato che il bilaterale di alto livello potrebbe tenersi a margine del G20 di Osaka, il mese prossimo, ma il Cremlino, a poche ore di distanza, aveva sottolineato di non aver ricevuto nessuna richiesta formale in questo senso.

Da qui ad allora si vedrà se il vertice di Sochi è stato fruttuoso, e i fatti corrispondenti alle intenzioni. Putin, in serata, ha dichiarato che la Russia vuole "ristabilire pienamente le relazioni" con gli Usa, ma quanto accade in America Latina e nel Golfo richiama i due attori a mantenere le posizioni assunte da tempo. A partire dall'Iran, che subisce una "pressione massima" da parte degli Stati Uniti. 

"Il presidente Putin ha detto piu' volte di non riuscire a comprendere tale politica", ha detto Peskov ai giornalisti. Inoltre, ha aggiunto il portavoce, "la storia moderna ha dimostrato che la pressione su alcuni Paesi, messi letteralmente all'angolo, non produce risultati".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.