Pistorius, la vita sul filo del rasoio di "Blade Runner"

Pistorius, la vita sul filo del rasoio di "Blade Runner"
 Pistorius

Roma - Dopo aver scontato solo un anno reclusione, Oscar Pistorius e' uscito dal carcere per una liberta' vigilata. E' l'atteso ma non per questo meno sconvolgente colpo di scena nella travagliata vicenda giudiziaria dell'ex campione paralimpico, condannato a 5 anni di carcere per l'omicidio colposo della fidanzata Reeva Steenkamp, la notte di San Valentino del 2013. Capace di trasformare un handicap in un vantaggio, considerato un eroe nazionale e un'icona per tutti quelli convinti che si puo' varcare il muro della disabilita', Pistorius e' passato dalle stelle alla polvere. Nessuno lo avrebbe potuto prevedere quando, a Londra, nel 2012 centro' la sua idea folle: diventare il primo biamputato a gareggiare con i normodotati in un'Olimpiade. Il mondo si inchino' al coraggio di un essere umano che, nonostante la nascita senza le tibie e l'amputazione ad appena 11 mesi di entrambe le estremita' sotto le ginocchia, fosse riuscito a competere alla Olimpiadi con le sue avveniristiche protesi. "Blade runner" si classifico' per le semifinali dei 400 metri e taglio' il traguardo in 45,44 secondi, il suo quarto tempo piu' veloce su quella distanza. E solo i maligni dissero che quelle protesi - le 'lame', coltelli ricurvi che pesano il 20% in meno di una gamba in carne e ossa - gli davano un vantaggio sleale sugli avversari. Gli altri tennero impressa la sua immagine avveniristico (non a caso Time lo inseri' tra le 100 persone piu' influenti del Paese) e qualcuno parlo' di "un cieco che ha scalato l'Everest".

Nato a Johannesburg nel 1986, Pistorius ha avuto un'infanzia e un'adolescenza traumatiche, segnate dalla sua vulnerabilita', la separazione dei suoi genitori e l'iper-protezione di una madre ossessionata dalla delinquenza. La madre, a cui il ragazzo era legatissimo, mori' quando lui era adolescente. Tutte esperienze che devono averlo marcato a fuoco. E cosi' nei mesi successivi all'omicidio, sotto i riflettori di una stampa mondiale interessata in maniera ossessiva al caso (le fasi salienti del processo sono state seguite in diretta dai grandi network internazionali), e' emersa un'altra immagine di Pistorius: un giovane dai comportamenti a tratti violenti e collerici, facile protagonista di scontri verbali e a volte anche fisici, con una passione sfrenata per le auto veloci e le armi. Da allora la sua carriera e anche la sua fama si sono frantumati, con la stessa celerita' con cui sono spariti, l'uno dopo l'altro, all'indomani della tragica notte di San Valentino, tutti i lucrosi contratti con i marchi sportivi che lo sponsorizzavano.

Dopo essere uscito dal carcere, senza una casa dove andare dopo aver venduto quella in cui uccise Reeva, e' probabile che l'ex atleta finisca di scontare la condanna dallo zio Arnold Pistorius, uomo d'affari facoltoso e di successo, padre adottivo di Pistorius e capo di questo clan di afrikaner con forti convinzioni calviniste, che lo aveva gia' ospitato durante la liberta' condizionata prima della condanna. Una condanna arrivata al termine di un processo in cui si era visto di tutto: spettacolo, dramma, sangue. Pistorius aveva pianto, singhiozzato, vomitato e aveva dovuto mostrare, senza alcun pudore, anche i lati pui' intimi di se'. Aveva persino camminato sui monconi, senza protesi, per mostrare la sua altezza reale e la sua vulnerabilita'.

Le polemiche non l'hanno mai abbandonato, neanche dopo la sentenza, che ha suscitato proteste per la leggerezza della condanna. Entrato in carcere il 21 ottobre del 2014, Pistorius gia' alla fine di agosto stava per riassaporare la liberta', grazie alla commissione per il riesame che ne aveva decretato la scarcerazione dopo aver scontato gia' un sesto della pena. Ma la decisione aveva sollevato un polverone nel Paese, tanto da spingere il ministro della Giustizia, Michael Masutha, a intervenire all'ultimo minuto, opponendosi alla liberazione. La commissione d'appello ha pero' confermato la decisione del board, approvando la liberta' vigilata a partire dal 20 ottobre. I termini non sono ancora stati resi noti ma molto probabilmente l'atleta dovra' restare confinato in casa per diverse ore al giorno e impegnarsi in lavori socialmente utili. Ma la liberazione potrebbe essere una conquista di breve durata. La sentenza a cinque anni di carcere per omicidio colposo, infatti, era stata giudicata "incredibilmente lieve" dalla procura che aveva presentato appello. Nel dicembre scorso, la giudice Thokozile Masipa, la stessa che lo aveva condannato in primo grado, aveva dato il via libera: il 3 novembre l'ex campione tornera' in tribunale. (AGI)