Pistorius, da Monzon a O.J., campioni che uccidono le donne

Pistorius, da Monzon a O.J., campioni che uccidono le donne
Pistorius (Afp) 

Roma - Campioni negli stadi e sul ring, ma instabili e violenti compagni di vita: Oscar Pistorius non e' il primo sportivo coinvolto in un delitto a sfondo passionale. Dal pugile argentino Carlos Monzon al giocatore di football americano O.J.Simpson, fino al campione di wrestler canadese Chris Benoit, questi i precedenti piu' noti:

- CARLOS MONZON: campione mondiali dei pesi medi per sette anni, ai successi sul ring unisce una vita sregolata, segnata da flirt, accuse di violenza e aggressioni ai paparazzi. Il 14 febbraio 1988, in seguito a un violento litigio con la modella uruguayana Alicia Muniz, la strangola e la getta dalla finestra, uccidendola. Viene condannato a 11 anni di prigione, ma ne esce dopo sette per buona condotta e muore poco dopo in un incidente stradale.

- O.J.SIMPSON: famoso giocatore di football americano, negli anni '90 finisce sotto processo per l'assassinio dell'ex moglie Nicole Brown, ritrovata massacrata con 12 coltellate insieme all'amico Ronald Goldman. Assolto penalmente ma condannato civilmente a pagare oltre 30 milioni di dollari di danni, Simpson sta attualmente scontando una condanna a 33 anni di carcere in Nevada per rapina e sequestro di persona.

- CHRIS BENOIT: celebre wrestler canadese, due volte campione del mondo, nel giugno del 2007 strangola la moglie Nancy e poi soffoca il figlio Daniel di 7 anni, prima di suicidarsi impiccandosi nella stanza dei pesi.

- JAVON BELCHER: un altro caso di omicidio-suicidio e' quello di Belcher, giovane linebacker dei Kansas City Chiefs, che lo scorso dicembre prima uccide a colpi di pistola la fidanzata 22enne, da poco madre della primogenita della coppia, e poi si toglie la vita, sparandosi alla testa nel parcheggio del campo di allenamento della sua squadra. (AGI)