Obama ad Hanoi chiede soluzione "pacifica"

"Diritti umani sono garanzia di progresso"

Obama ad Hanoi chiede soluzione "pacifica"
Obama (Reuters) 

Ho Chi Minh (Vietnam) - Il presidente americano, Barack Obama, ha chiesto di risolvere in maniera pacifica le dispute territoriale nel Mar del Sud della Cina, dove diversi Paesi si contendono alcune centinaia di isole e atolli. 

Il presidente americano ha auspicato un negoziato pacifico e conforme alla legislazione internazionale e ha difeso il diritto dei Paesi alla libera navigazione in una regione dove c'e' circa un terzo del traffico marittimo mondiale. "Le grandi nazioni non possono intimidire le piccole", ha detto nel corso di una conferenza stampa ad Hanoi. Cina e Vietnam si disputano la sovranità delle isole Spratly e Paracel, nel cosiddetto mar della Cina meridionale, dove altri Paesi, come Filippine, Malaysia, Taiwan, Indonesia e Brunei, hanno pure loro pretese marittime.

Nel maggio 2014, alcuni proteste anti-Cina cominciate nella regione centrale del Vietnam contro gli interessi territoriali di Oechino sfociarono nelle violenze e terminarono con due cittadini cinesi morti e un centinaio di feriti. 

Barack Obama, ha invitato il Vietnam a migliorare i diritti umani come garanzia di un progresso economico sostenuto e di una maggiore stabilità politica per il futuro. "Dal mio punto di vista, le nazioni hanno più successo quando sono rispettati i diritti umani", ha detto in un discorso pronunciato ad Hanoi, al centro convention della capitale. "Difendere questi diritti non e' una minaccia per la stabilita', ma rafforza la stabilita' e gli sviluppi del progresso. Il Vietnam lo fara' in maniera diversa che gli Usa, ma ci sono principi basilari che credo tutti dobbiamo migliorare".

Obama ha evitato di fare riferimenti diretti alle lacune del regime vietnamita in tema di tutela dei diritti umani e si e' limitato a una difesa generica dell'importanza delle liberta' di espressione, associazione e religione, e all'importanza di avere un sistema democratico. Ma prima del discorso, aveva avuto un incontro con una decina di attivisti, una riunione a cui pero' non hanno potuto partecipare alcuni dissidenti che, secondo Human Rights Watch, sono stati arrestati lunedi' dal regime vietnamita.

Da lunedi' in Vietnam, Obama si sposterà stasera a Ho Chi Minh, l'antica Saigon, dove avra' incontri con imprenditori e dove domani inaugurera' un'universita' americana prima di spostarsi in Giappone per partecipare al vertice del G7 e compiere la storica visita a Hiroshima. (AGI)