Medvedev attacca la Nato: "Organizzazione criminale, va sciolta"

Medvedev attacca la Nato: "Organizzazione criminale, va sciolta"

Il vicepresidente del Consiglio di Sicurezza nazionale di Mosca su Istagram nel giorno del vertice dell'Alleanza a Bucarest. Stoltenberg: "Putin usa l'inverno come arma, ora il focus è il sostegno a Kiev". Navi da guerra russe nel Mediterraneo

ucraina medvedev nato organizzazione criminale va sciolta

© Ekaterina Shtukina / Sputnik / Afp  - Dmitry Medvedev 

AGI - "Il mondo civilizzato non ha bisogno della Nato, non oltre il 12% della popolazione mondiale vive nei suoi Paesi membri: l'organizzazione deve pentirsi davanti all'umanità ed essere dissolta come entità criminale". Lo ha scritto su Telegram il vicepresidente del Consiglio di Sicurezza nazionale russo Dmitri Medvedev.

"Se come suggerito da Stoltenberg, la Nato fornirà ai fanatici di Kiev i sistemi Patriot insieme a personale militare - ha aggiunto - questi diventeranno immediatamente un obiettivo legittimo delle nostre forze armate". 

Nato, forniremo aiuti per ricostruire reti energia

I Paesi della Nato aiuteranno l'Ucraina a ricostruire le infrastrutture del gas e dell'elettricità distrutte dai bombardamenti russi, mantenendo al contempo la fornitura di sistemi di difesa aerea in modo che il Paese possa continuare a difendersi. Lo ha dichiarato il segretario generale dell'Alleanza, Jens Stoltenberg, al suo arrivo alla riunione dei ministri degli Esteri a Bucarest.

"Gli alleati della Nato stanno fornendo un supporto senza precedenti all'Ucraina e continueranno a fornire il supporto presentato all'Ucraina, compreso l'aiutarli a ricostruire le loro infrastrutture di gas ed energia, ovviamente, stanno anche continuando a fornire sistemi di difesa aerea", ha spiegato Stoltenberg.

"Spero che qui a Bucarest, alla riunione dei ministri degli Esteri, il messaggio di tutti noi sia che dobbiamo fare di più, sia per aiutare l'Ucraina a riparare la distruzione delle infrastrutture critiche, comprese la rete elettrica e del gas, ma anche, ovviamente, per far fronte agli attacchi stessi, fornendo piu' sistemi di difesa aerea", ha sottolineato.