Trovato il relitto della Gloucester, la nave reale britannica scomparsa nel 1682

Trovato il relitto della Gloucester, la nave reale britannica scomparsa nel 1682

I resti di una delle navi più famose del 17esimo secolo è stato individuato al largo della costa di Norfolk nel Regno Unito. Il suo naufragio causò quasi la morte dell’erede cattolico al trono protestante d’Inghilterra in un momento di grande tensione politica e religiosa

gloucester ritrovata nave reale britannica scomparsa

Reperti trovati nel relitto della Gloucester

AGI - Il relitto di una delle navi più famose del 17esimo secolo – che affondò 340 anni fa mentre trasportava il futuro re d’Inghilterra James Stuart – è stato scoperto al largo della costa di Norfolk nel Regno Unito. Da quando si incagliò su un banco di sabbia il 6 maggio 1682, il relitto della nave da guerra Gloucester è rimasto semisepolto sul fondo del mare, e la sua esatta ubicazione era sconosciuta fino a quando i fratelli Julian e Lincoln Barnwell, con il loro amico James Little, lo hanno ritrovato dopo quattro anni di ricerca.

A causa dell’età e del prestigio della nave, delle condizioni del relitto, dei reperti già salvati e del contesto politico dell’incidente, la scoperta è descritta dall’esperta di storia marittima, la professoressa Claire Jowitt, dell’Università dell’East Anglia (UEA), come la scoperta marittima più importante dai tempi della Mary Rose.

La Gloucester rischiò di rappresentare un momento di svolta nella storia britannica: il naufragio causò quasi la morte dell’erede cattolico al trono protestante d’Inghilterra in un momento di grande tensione politica e religiosa. Ora è prevista una grande mostra dedicata alla nave per la primavera del 2023, risultato di una partnership tra i fratelli Barnwell, il Norfolk Museums Service e la UEA. Da febbraio a luglio al Norwich Castle Museum & Art Gallery, la mostra esporrà i reperti del relitto, inclusa la campana che ha confermato l’identità della nave.

Il professor Jowitt, un’autorità mondiale sulla storia culturale marittima, è co-curatore della mostra. “A causa delle circostanze del suo naufragio, questa può essere considerata l’unica scoperta marittima storica più significativa dal recupero della Mary Rose nel 1982″, ha detto. “La scoperta promette di cambiare radicalmente la comprensione della storia sociale, marittima e politica del XVII secolo. Si tratta di un eccezionale esempio di patrimonio culturale sottomarino di importanza nazionale e internazionale”.

I fratelli Barnwell sono tipografi con sede a Norfolk, subacquei autorizzati e Honorary Fellow presso la School of History dell’UEA. Lincoln ha detto di essere stato in parte ispirato a cercare il relitto dopo aver visto il sollevamento della Mary Rose in televisione da bambino. “Era la nostra quarta stagione di immersioni alla ricerca della Gloucester”, ha detto. “La prima cosa che ho notato è stato un grosso cannone adagiato sulla sabbia bianca, era maestoso e davvero bello. È stato subito un privilegio essere lì, è stato così eccitante. Eravamo le uniche persone al mondo in quel momento che sapevano dove si trovava il relitto. È stato speciale e non lo dimenticherò mai. Il nostro lavoro successivo è stato quello di identificare il sito come quello della Gloucester”.     

Julian ha aggiunto: “Quando abbiamo deciso di cercare la Gloucester non avevamo idea di quanto fosse importante nella storia. Avevamo letto che il Duca di York era a bordo, ma questo è tutto. Eravamo fiduciosi che fosse la Gloucester, ma ci sono altri siti di relitti là fuori con cannoni, quindi doveva ancora essere confermato. C’è ancora un’enorme quantità di conoscenze da acquisire dal relitto, che andrà a beneficio di Norfolk e della nazione. Speriamo che questa scoperta e le storie che verranno svelate informino e ispirino le generazioni future"