"Qualcuno all'Onu sapeva che la sicurezza era insufficiente", dice la vedova di Attanasio

"Qualcuno all'Onu sapeva che la sicurezza era insufficiente", dice la vedova di Attanasio

In un'intervista al Corriere della Sera la moglie dell’ambasciatore italiano ucciso in un’imboscata in Congo racconta che il marito ha chiesto esplicitamente chi si occupasse della sicurezza

qualcuno onu sapeva sicurezza insufficiente dice vedova attanasio

© Vincenzo PINTO / AFP 
- la vedova dell'ambasciatore Luca Attanasio, Zakia Seddiki

AGI -  “Luca è stato invitato dal Programma alimentare mondiale per una visita su un progetto del Pam per le scuole. Era previsto che organizzassero tutto loro”. Zakia Seddiki, moglie dell’ambasciatore italiano Luca Attanasio ucciso in un’imboscata in Congo, racconta in un’intervista al Corriere della Sera che il marito ha chiesto esplicitamente chi si occupasse della sicurezza. Dal Pam, riporta la donna, “hanno risposto: ‘Ci pensiamo noi alla sicurezza’”.

A una obiezione dell'intervistatore che ricorda come a Kinshasa l’ambasciata disponga di due auto blindate, Zajkia Seddiki risponde: “Sì, a Kinshasa ci sono scorta e macchine blindate. Per spostarsi, quindi, Luca ha dovuto porre la domanda: chi si occupa della sicurezza? Non è che il Pam sia una piccola organizzazione. Hanno detto 'ce ne occupiamo noi' ed è giusto fidarsi di un’organizzazione così grande, soprattutto parlando di questo”.

Quindi la moglie dell'ambasciatore ucciso aggiunge: “A Kinshasa abbiamo tutto. E Luca non ha mai fatto un passo fuori dalla residenza o dall’ambasciata senza la sua scorta e senza i controlli della sicurezza. Si è fidato. Luca non ha mai viaggiato senza pensare alla sicurezza. Chi è nella scorta fa il proprio lavoro, contatta il posto, chiede informazioni. Erano sempre attenti”.

Secondo la donna in altre occasioni “sono stati respinti altri inviti” a fare dei viaggi proprio perché “non c’erano mezzi per la sicurezza”. “Questa volta – chiosa – ci siamo fidati, tutti, di un’istituzione come l’Onu”.
 

Saddiki ribadisce un’accusa lanciata subito dopo l’omicidio del marito: “È stato tradito, nel senso che chi ha organizzato sapeva che la sicurezza non era nella misura adeguata per proteggere lui e le persone con lui” e “il Pam non ha organizzato la protezione in modo opportuno”. Cioè, “non hanno fatto quello che va fatto per una zona a rischio. Sicuramente dentro il Pam qualcuno sapeva che la scorta non era efficace”, conclude.