A Wuhan hanno trovato migliaia di nuovi contagiati asintomatici

A Wuhan hanno trovato migliaia di nuovi contagiati asintomatici

Le infezioni sarebbero state contratte tra marzo e maggio, in un periodo in cui non erano stati riportati casi clinici di Covid-19 

migliaia nuovi asintomatici covid wuhan  

Wuhan Cina virus

AGI - Migliaia di infezioni asintomatiche potrebbero aver colpito gli abitanti della città di Wuhan, in Cina, dopo che la pandemia era stata considerata sotto controllo. Emerge da uno studio, pubblicato sulla rivista Plos Neglected Tropical Diseases, condotto dagli esperti dell'Università di Wuhan, che hanno testato più di 60 mila persone sane in Cina per verificare la presenza di anticorpi SARS-CoV-2.

"La città di Wuhan è stato il primo luogo in cui sono stati segnalati i casi di Covid-19 - ricorda Xue-jie Yu dell'Università di Wuhan - e, tra dicembre 2019 e maggio 2020, si registrano nella regione quasi i due terzi di tutti i casi di infezione in Cina. Stando ai nostri risultati, la pandemia potrebbe essere circolata molto più a lungo di quanto precedentemente ritenuto".

Il team ha utilizzato i test anticorpali per diagnosticare infezioni in corso o passate, effettuati tra il 6 marzo e il 3 maggio 2020 su 63.107 persone in Cina, tutte in buona salute, che si stavano sottoponendo a screening prima di tornare al lavoro.

"La percentuale di persone con anticorpi SARS-CoV-2 positivi, circa l'1,68 per cento - aggiunge l'esperto - era significativamente più alta che in altre regioni della Cina, dove la positività degli anticorpi era in media dello 0,38 per cento. Questo suggerisce che migliaia di persone a Wuhan sono state infettate in modo asintomatico tra marzo e maggio 2020, quando non sono stati riportati casi clinici di Covid-19".

Gli scienziati hanno pertanto dedotto che nella regione esisteva un numero significativo di portatori asintomatici di SARS-CoV-2 dopo che la pandemia era stata ritenuta sotto controllo. "I ceppi di SARS-CoV-2 avirulenti possono ancora causare sintomi in individui estremamente suscettibili - conclude Yu - e potrebbero anche far riemergere l'infezione con un ceppo altamente virulento e riaccendere focolai epidemici in Cina".