Il principale gruppo media della Nuova Zelanda si scusa per "50 anni di razzismo contro i Maori" 

Il principale gruppo media della Nuova Zelanda si scusa per "50 anni di razzismo contro i Maori" 

Stuff, che possiede il più grande portale di notizie e altri nove giornali del Paese, ha condotto un'indagine storica sulla copertura che i suoi giornalisti hanno fatto quando si trattava di notizie su indigeni. Il risultato non è dei migliori. 

nuova zelanda razzismo media maori

© MICHAEL BRADLEY / AFP - Una manifestazione dei Maori in Nuova Zelanda

AGI - Il gruppo dei media neozelandesi Stuff, uno dei più grandi del Paese, si è scusato per 50 anni di copertura "razzista" delle questioni Maori che hanno contribuito "allo stigma sociale e agli stereotipi negativi". "Ci scusiamo pubblicamente con i Maori e adottiamo piani per rappresentare meglio tutte le comunità di Aotearoa", la Nuova Zelanda in lingua Maori, si legge in un editoriale speciale in cui il gruppo riconosce gli errori commessi in mezzo secolo di informazione.     

Stuff, che possiede il più grande portale di notizie e altri nove giornali del Paese, ha condotto un'indagine storica sulla copertura che i suoi giornalisti hanno fatto quando si trattava di notizie su indigeni.     

Nella vasta inchiesta chiamata "La nostra verità, Ta Matou Pono", a cui hanno lavorato venti giornalisti per analizzare le pubblicazioni cartacee e digitali del gruppo, Stuff raccoglie vari esempi di articoli di parte e razzisti pubblicati dai loro giornali. 

I Maori, che rappresentano il 17% dei circa 5 milioni di neozelandesi, affrontano vari problemi come povertà, emarginazione e discriminazione istituzionale e nella loro comunità hanno, tra l'altro, alti tassi di incarcerazione, alcolismo e violenza domestica.     

"È stato molto difficile rendersi conto che i risultati di questa ricerca si riflettono anche in me, come giornalista e come donna Maori", ha affermato Carmen Parahi, che ha guidato il progetto insieme al caporedattore Mark Stevens.     

Il gruppo dei media ha ammesso inoltre di aver protetto gli interessi dei coloni e dello Stato neozelandese e di aver "emarginato" le voci dei Maori quando rivendicavano i diritti sulle loro terre. "Non aderiamo ai principi di correttezza ed equilibrio del giornalismo quando si tratta di questioni Maori", ha ammesso Stuff. I Maori firmarono il Trattato di Waitangi con la Corona britannica nel 1840, che è la spina dorsale delle relazioni tra il governo e il popolo indigeno.