Secondo l'Australia ci sono più spie ora che durante la  Guerra Fredda

Secondo l'Australia ci sono più spie ora che durante la  Guerra Fredda

Michael Burgess, capo dei servizi segreti australiani, avverte: i cittadini sono sorvegliati e influenzati da potenze straniere, in particolare la Cina

Australia spionaggio Guerra Fredda

Spionaggio

AGI - Lo spionaggio in Australia ha eclissato i livelli della Guerra Fredda, lo ha detto in Parlamento il capo dei servizi segreti australiani avvertendo che i cittadini sono sorvegliati e influenzati da potenze straniere, in particolare la Cina. Solitamente abbottonatissimi, i capi dello spionaggio australiano parlano sempre di più di questa minaccia.

"Ci sono più spie straniere e loro collaboratori che operano contro gli interessi australiani di quanti ce ne fossero durante la Guerra Fredda", ha detto nell'audizione il capo dell'Australian Security Intelligence Organisation (l'agenzia di controspionaggio dell'Australia) Michael Burgess.

Burgess ha avvertito che i gruppi della diaspora che vivono in Australia sono monitorati e molestati dai governi stranieri. Gli esuli di etnia uigura provenienti dalla regione cinese dello Xinjiang sono stati presi di mira mentre vivevano in Australia e in altri Paesi democratici.

Anche gli studenti di Hong Kong iscritti alle università australiane hanno denunciato intimidazioni e minacce alla famiglia in patria dopo le proteste a favore della democrazia dell'anno scorso nel centro finanziario. Burgess non ha fatto riferimento esplicito alla Cina nel suo discorso ai parlamentari di Canberra.

Ma ha detto che la sorveglianza straniera e l'intimidazione dei gruppi della diaspora è stata "niente di meno che un attacco alla sovranità dell'Australia". "È inaccettabile che la gente in Australia venga intimidita, semplicemente per aver sostenuto le riforme democratiche o per aver criticato le violazioni dei diritti umani".

Negli ultimi anni, diversi politici australiani sono stati coinvolti in alcuni scandali per aver accettato donazioni in contanti da donatori legati a Pechino o essere stati accusati di partecipare alla propaganda cinese. Burgess ha avvertito che i politici del Paese sono stati bersagli di primo piano nel tentativo di "rubare i nostri segreti e manipolare il nostro processo decisionale".

"Vediamo le prove che i servizi segreti coltivano in modo ingannevole i politici di tutti i livelli di governo per promuovere gli interessi dei Paesi stranieri", ha aggiunto. L'anno scorso il predecessore del capo dell'Asio, Duncan Lewis, aveva avvertito che la Cina stava tentando di "prendere il controllo" del sistema politico australiano attraverso lo spionaggio e la manipolazione. Ha individuato gli episodi di agenti cinesi che hanno dato grandi contributi ai partiti politici australiani nell'ambito di una campagna ad ampio raggio che ha preso di mira anche i media e le università del Paese.

I funzionari dei servizi segreti sostengono che gli sforzi della Cina per influenzare la politica oltreoceano attraverso donazioni, investimenti e gruppi comunitari sono cresciuti da quando il presidente Xi Jinping è salito al potere.

L'impatto in Australia ha a lungo preoccupato gli Stati Uniti, che hanno ripetutamente messo in guardia il loro alleato. L'Australia e Washington sono membri dell'alleanza Five Eyes per la condivisione dell'intelligence - che comprende anche la Gran Bretagna, il Canada e la Nuova Zelanda.