La pandemia non ferma gli assassini in Brasile: un omicidio ogni 10 minuti

La pandemia non ferma gli assassini in Brasile: un omicidio ogni 10 minuti

Nel primo semestre dell'anno +7,1% morti violente nonostante le misure di distanziamento sociale per fermare la diffusione del Covid, rivela un rapporto dell'Ong Forum

aumentano omicidi brasili malgrado pandemia covid

© Nelson Almeida -
 

AGI - Il numero di omicidi in Brasile è aumentato del 7,1% nel primo semestre dell'anno, nonostante le misure di distanziamento sociale attuate per contenere la pandemia del coronavirus, rivela un rapporto pubblicato lunedì.

"Ci sono stati 25.712 morti violente nella prima metà del 2020, equivalenti a una persona uccisa ogni 10 minuti nel bel mezzo della pandemia di covid-19, nonostante le misure di distanziamento sociale applicate durante questo periodo", afferma il rapporto dell'Ong Forum Brasiliano per la Pubblica Sicurezza.

"Le cifre hanno interrotto una tendenza al ribasso della criminalità violenta iniziata nel 2018", ha detto nel suo rapporto annuale sulla sicurezza pubblica nel Paese sudamericano, che ha a lungo lottato con alti livelli di violenza. 

Gli autori del rapporto hanno detto che è troppo presto per trarre conclusioni definitive sull'aumento degli omicidi, anche se la pandemia ha tenuto molti brasiliani in casa.  Dicono che sono necessari ulteriori studi su come le bande criminali si sono evolute nel bel mezzo della pandemia, anche se stavano trasportando più droga via terra in risposta alla riduzione del traffico aereo, portando forse ad un maggior conflitto sulle rotte del traffico. 

"A questo punto, è ancora difficile determinare quali tendenze siano l'effetto delle misure di allontanamento sociale e quali no", hanno detto.  In alcuni casi, la pandemia può aver portato alla denuncia di meno crimini violenti di quanti ne siano stati commessi.  Ad esempio, i femminicidi sono aumentati dell'1,9 per cento durante il periodo, ma le segnalazioni di aggressioni e minacce contro le donne sono diminuite rispettivamente del 9,9 e del 15,8 per cento. 

"Questo può riflettere la difficoltà che alcune donne incontrano nell'andare in una stazione di polizia o nel denunciare un abuso in mezzo a misure severe per rimanere a casa", dice il rapporto. 

L'aumento della criminalità violenta può essere dovuto "all'allentamento delle leggi sul controllo delle armi" del presidente Jair Bolsonaro e "un discorso permanente di guerra" sulla criminalità, ha detto Renato Sergio de Lima, direttore dell'Ong. Il Brasile è il Paese con il secondo più alto numero di morti per coronavirus al mondo, dopo gli Stati Uniti, con quasi 154.000 morti. Dal momento che il primo caso è stato rilevato a febbraio, i governatori e i sindaci hanno imposto un sistema caotico di quarantene parziali, che non sono molto rigide, sono scarsamente applicate e sono fortemente criticate da Bolsonaro, sostenendo che sono molto dannose per l'economia.