L'odissea dei profughi eritrei costretti alla fame

L'odissea dei profughi eritrei costretti alla fame

L’Etiopia non ha più intenzione di accogliere nei campi profughi donne, bambini e uomini in fuga dal regime di Asmara

Etiopia odissea profughi eritrei fame

© MINASSE WONDIMU HAILU / ANADOLU AGENCY / ANADOLU AGENCY VIA AFP
-

AGI - I rifugiati eritrei in Etiopia corrono il rischio di essere rimpatriati. Il governo di Addis Abeba non li considera più bisognosi di protezione umanitaria.

Allo stesso tempo, l’Etiopia non ha più intenzione di accogliere nei campi profughi donne, bambini e uomini in fuga dal regime di Asmara (a meno che siano in qualche modo legati alle forze armate eritree). A denunciarlo all'Agenzia Fides è abba Mussie Zerai, sacerdote della eparchia di Asmara e da sempre sensibile ai problemi dei profughi e dei rifugiati del Corno d’Africa. 

Si vive attualmente una situazione delicata, conseguenza dell’accordo siglato nel 2018 tra le due nazioni. Quella che si sperava potesse essere un’intesa in grado di garantire pace e sviluppo alla regione, si sta infatti trasformando in un incubo per molti eritrei che non possono rientrare in patria, pena l’incarcerazione.     

Affamati ed esposti agli abusi

"Questa situazione e la chiusura di uno dei quattro campi profughi che ospita oltre 15.000 persone - spiega abba Mussie - ha prodotto molti profughi urbani senza nessuna forma di tutela senza diritti. Nel Tigrai (la regione settentrionale confinante con l’Eritrea) vagano migliaia di eritrei spesso ridotti alla fame, esposti a ogni forma di sfruttamento e abusi. Le persone più vulnerabili sono donne e minori, soprattutto minori non accompagnati molti abbandonati a sé stessi, con il rischio di finire vittime di predatori sessuali, riduzione a schiavitù lavorativo".

 "Questa situazione sta aumentando la disperazione creando le condizioni per coloro che trafficano gli esseri umani, l'esodo verso Sudan e Libia va aumentando tutto a causa delle pessime condizioni di non accoglienza che trovano oggi in Etiopia", continua abba Mussie.      

Anche profughi giunti nei pressi dei centri urbani soffrono. Oltre alla perdita dei diritti devono far fronte anche alla pandemia e al costo della vita altissimo. Gli eritrei sono così vittime di sfruttamento, prostituzione e privazioni.    

 "Ci appelliamo al governo etiope affinché rispetti gli obblighi internazionali derivati dalla sua adesione alle convenzioni che tutelano i diritti di minori e diritti dei rifugiati", conclude abba Mussie.

"Chiediamo all’Unione europea di investire risorse per rendere un’accoglienza dignitosa di questi profughi eritrei in Etiopia. Altrimenti l’esodo verso l’Europa aumenterà, con il triste conteggio di morti nel deserto e nel Mare Mediterraneo".