Nei supermercati australiani tornano i limiti agli acquisti di carta igienica

Nei supermercati australiani tornano i limiti agli acquisti di carta igienica

La recrudescenza di casi di coronavirus nello Stato di Victoria ha suscitato inquietudine negli australiani, colpiti nuovamente dal 'demone' dell'accaparramento

restrizioni vendite carta igienica australia

© PETER PARKS / AFP -

AGI - La recrudescenza di casi di coronavirus nello Stato di Victoria ha suscitato inquietudine negli australiani, colpiti nuovamente dal 'demone' dell'accaparramento, tanto che la catena di supermercati Woolworths ha annunciato la reintroduzione a livello nazionale di restrizioni su carta igienica e tovaglioli di carta, permettendone l'acquisto solo di due pacchi.

Finora la catena aveva imposto limiti solo nello Stato di Victoria e riguardavano, oltre alla carta igienica, anche i tovaglioli, farina, zucchero, pasta, carne macinata, latte a lunga conservazione, uova e riso. Ma, ha fatto sapere in una nota, "in seguito a un recente aumento della domanda in diverse parti del Paese", la misura sarà estesa a "tutti i negozi australiani".

"La mossa precauzionale è volta a sostenere un'adeguata distanza sociale nei negozi durante il fine settimana e garantire a tutti i clienti l'accesso ai prodotti di cui hanno bisogno". La ad dei Woolworths, Claire Peters, ha annunciato che sono stati ordinari "650 mila pacchi aggiuntivi di rotoli di carta igienica, un aumento di oltre il 30% del nostro volume abituali". 

Lo Stato di Victoria negli ultimi giorni ha assistito a un impennata di casi di coronavirus, concentrati a Melbourne, tanto che il governo ha inviato un migliaio di soldati per aiutare le autorità locali a contenere il contagio ed evitare una seconda ondata. L'Australia ha registrato dall'inizio della pandemia 7.558 casi, di cui quasi 2 mila nello Stato sud-orientale.