New York: evadono due pericolosi detenuti, e' caccia all'uomo

(AGI) - New York - Prosegue senza sosta la cacciaall'uomo in Usa dei due pericolosi detenuti scappati sabatomattina da un carcere  

(AGI) - New York, 8 giu. - Prosegue senza sosta la cacciaall'uomo in Usa dei due pericolosi detenuti scappati sabatomattina da un carcere di massima sicurezza, nello stato di NewYork. Le circostanze della fuga hanno dell'incredibile e adessole autorita' sospettano che i due abbiano avuto complicita'interne. "Stiamo rovesciando anche le pietre", ha assicurato ilgovernatore, Andrew Cuomo. "Ma se hanno avuto aiuto,considerato il tempo trascorso dalla fuga, potrebbero essereovunque". David Sweat, 36 anni, condannato all'ergastolo per la mortedi un vice-sceriffo, e Richard Matt, 49 anni, da 25 anni incarcere per aver picchiato a morte e smembrato un uomo dopoaverlo rapito, si sono dileguati nella notte tra venerdi' esanato dal super-carcere di Dannemora, nel nord dello Stato,vicino al confine canadese. "Uno dei due, (Matt) conosce il Messico, e potrebbe averimboccato la rotta verso il sud", ha continuato Cuomo. Anche sedistanti migliaia di chilometri, le autorita' degli Statimeridionali sono stati allertati, e anche la polizia messicanae quella canadese. E mentre la polizia dello Stato di New York,incaricata delle ricerche, ispezione le strade, oltre 250persone (polizia, personale penitenziario, cani addestrati e'ranger') sono mobilitati. Cuomo si e' recato personalmentenella prigione e ha rifatto passo passo il percorso deifuggitivi. La fuga e' degna di un film di Hollywood: Sweat e Matt,rinchiusi in celle adiacenti, sono prima riusciti a perforarele pareti d'acciaio delle loro celle, poi percorsa unapasserella al sesto piano, sono scesi fino al seminterrato. Li'con tanto di trapano, sono riusciti a perforare un'altra paretee poi attraverso un labirinto di tunnel, sono usciti da untombino in una strada vicina. E hanno anche lasciato un post-itcon su scritto "Buona Giornata" e il disegno di un sorrisetto. Le guardie, che fanno le ispezioni ogni due ore, hannoscoperto la fuga sabato mattina alle 05:30: i due avevano fattocredere ai carcerieri di essere distesi nei letti, camuffandola loro sagoma on un'imbottitura sotto le coperte. "Se fosse lasceneggiatura di un film, sarebbe esagerata", ha abbozzato unabattuta Cuomo. "Francamente eì' davvero incredibile quello chesono riusciti a fare". I video delle telecamere di sicurezza sono stati esaminatisenza successo e sono stati promessi 100mila dollari per chioffra informazioni utili alla cattura. Non era mai fuggitonessuno da quel carcere di massima sicurezza, circondato damura alte 10 metri e costruito nel 1865. Le circostanze dellafuga fanno pensare a complicita' interne. "Penso che sianostati aiutati, non credo che potessero avere l'attrezzatura chehanno utilizzato senza un aiuto". Nel carcere entrano tre tipidi dipendenti: le guardie carcerarie, gli impiegati civili e isubappaltatori e per ora gli inquirenti stanno mettendo sottotorchio questi ultimi. I media locali ipotizzano cheun'impiegata della prigione, forse sedotta da Matt, sia statainterrogata dalla polizia. Secondo il New York Times, Mass eragia' riuscito a evadere da un'altra prigione dello Stato di NewYork, nel 1986; ed era stato riacciuffato dopo quattro giorni.Una fonte che lavoro' all'inchiesta sul suo omicidio lo hadefinito come la persona "piu' malvagia e diabolica in cui misono imbattuto in 38 anni nella polizia". (AGI).