Paolo Nespoli twitta una foto dallo spazio. E questa volta dell'Italia

"Good morning, Italia", e l'astronauta italiano condivide una magnifica foto della penisola scattata dalla navicella

Paolo Nespoli twitta una foto dallo spazio. E questa volta dell'Italia

A poche settimane dall’inizio della sua avventura sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), Paolo Nespoli ha condiviso con la Terra un suggestivo scatto dello spazio. La foto ritrae l'Italia.

Lo scatto andrà anche ad aggiungersi alle immagini già disponibili sull’app Spac3, nata per comporre straordinari artwork creativi che combinano esperienze sulla Terra ed esperienze nello Spazio all’interno di layout tematici che riproducono il simbolo del Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto. Una composizione di elementi carica di significato volta a creare un link diretto tra Spazio e Terra e volta a sensibilizzare le persone su alcune tematiche selezionate tra quelle dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo Sviluppo Sostenibile tra cui la protezione della terra e dell’acqua, la garanzia di cibo sicuro per tutti, la salute e il benessere, i cambiamenti climatici, la trasformazione della società con consumi e produzione sostenibili. 

L’appello degli utenti su ciascuno di questi temi confluisce all’interno del Social Artwork dinamico www.spac3.space contribuendo a creare un’opera collettiva planetaria che proprio Paolo Nespoli ha iniziato a creare dal 28 luglio – giorno di start up della missione VITA - e che crescerà proprio grazie ai contributi fotografici dell’astronauta e degli utenti di tutto il mondo.

Paolo Nespoli twitta una foto dallo spazio. E questa volta dell'Italia
  Foto: Nasa / Flickr
 Paolo Nespoli, ritratto di un uomo felice in un interno. Spaziale

L’app SPAC3 - sviluppata da ESA insieme a RAM radioartemobile in cooperazione con ASI e Cittadellarte - Fondazione Pistoletto è disponibile gratuitamente per iOS e Android.

Leggi anche: Spazio, Terra, uomini, Dio. Così parlò Paolo Nespoli, astronauta

 

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it