Il procuratore Mueller ha stroncato lo scoop di BuzzFeed su Trump, che esulta

Russiagate: il procuratore speciale (non aveva mai commentato indiscrezioni di stampa) ha definito il lavoro di due giornalisti 'impreciso'. Il presidente rischia l'impeachment

Il procuratore Mueller ha stroncato lo scoop di BuzzFeed su Trump, che esulta
Afp
 Robert Mueller

Il procuratore speciale che indaga sul Russiagate, Robert Mueller, rompe il silenzio definendo "impreciso" lo scoop di BuzzFeed sul presidente Donald Trump che avrebbe chiesto al suo ex legale, Michael Cohen, di mentire sul progetto di costruzione di una 'Torre' con il suo nome a Mosca. "La descrizione di BuzzFeed di specifiche dichiarazioni dell'ufficio dello speciale procuratore e la caratterizzazione di documenti e delle testimonianze ottenute da questo ufficio riguardanti l'audizione in Congresso di Michael Cohen è imprecisa", si legge in una dichiarazione dal portavoce di Mueller, Pater Carr.


Si tratta di una mossa senza precedenti da parte dell'ex capo dell'Fbi che non ha mai direttamente commentato indiscrezioni di stampa. Trump ha prima retwittato la notizia e poi parlato di "un triste giorno per il giornalismo ma di un grande giorno per il Paese", ribadendo che le "Fake News sono davvero il nemico del popolo". BuzzFeed cita come fonti due rappresentanti delle forze dell'ordine e sostiene che Mueller abbia appreso della direttiva illegale di Trump da diversi testimoni e controllando email, sms e altri documenti.


BuzzFeed ha difeso la veridicità del suo scoop e la credibilità dei suoi autori, chiedendo allo speciale procuratore di specificare le parti della notizia imprecise. Se confermato, lo scoop avrebbe potuto portare Trump all'impeachment, alla messa in stato di accusa per intralcio alla giustizia. Nessun altro organo di stampa è riuscito a verificare la notizia di BuzzFeed, firmata da Jason Leopold e Anthony Cormier. Il primo è stato finalista per il premio Pulitzer lo scorso anno ed ha firmato diverse importanti esclusive. Ma nei suoi trascorsi professionali figurano anche alcune ombre, compreso un caso di plagio ed un'anticipazione che non si è poi materializzata. Leopold "è tra i giornalisti migliori del mondo e lo ha dimostrato", ha rivendicato il suo editore.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it