Migranti: Libia "rifiuteremo rimpatri, procedura illegale"

Migranti: Libia "rifiuteremo rimpatri, procedura illegale"

La Libia respinge ogni tentativo di rimpatri di migranti illegali. Lo ha affermato il ministro degli Esteri del governo di riconciliazione nazionale, Mohammed Sayala, citato dall'agenzia Lana. "La Libia non accetterà mail il ritorno di immigrati clandestini verso i Paesi di provenienza del Nordafrica. Sarebbe una procedura ingiusta e illegale. Abbiamo già più di 700.000 migranti sul nostro territorio e sono un pesante fardello", ha spiegato il ministro, sottolineando la necessità di "riportarli dove sono venuti, perchè la Libia è un Paese di transito, ha sofferto e soffre le conseguenze dell'immigrazione illegale". La comunità internazionale "si assuma le proprie responsabilità premendo sui paesi di origine e di sopportando le spese di rimpatrio", ha concluso il ministro, sottolineando l'importanza di affrontare il fenomeno "con serietà alle radici". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.