Messico, si vota: giornalista ucciso a poche ore dall'apertura dei seggi

Messico, si vota: giornalista ucciso a poche ore dall'apertura dei seggi

Non si ferma la violenza in Messico, a poche ore dall'apertura dei seggi: un giornalista è stato ucciso nello Stato meridionale di Quintana Roo. Circa 89 milioni di messicani sono oggi chiamati al voto per eleggere il nuovo presidente e oltre 3.400 cariche pubbliche, tra le quali deputati, senatori, otto governatori e il capo del governo di Città del Messico. Grande favorito dai sondaggi è il populista di sinistra Andres Manuel Lopez Obrador. Ma la campagna elettorale è stata una delle più violente della storia recente, con 130 vittime, tra cui decine di politici uccisi in tutto il Paese. Il Messico è anche uno dei paesi più pericolosi per i giornalisti, 45 vittime dal 1992, secondo il Committee to Protect Journalists. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it