Merkel, insufficienti riforme Italia Gozi: ora basta, ci rispetti

(AGI/AFP) - Berlino, 7 dic. - Le riforme in Italia e in Franciasono insufficienti. E' il giudizio espresso dal Cancellieretedesco Angela Merkel in una intervista al Die Welt pubblicataoggi, ad una settimana dalla tregua di Bruxelles a Roma e aParigi per migliorare le finanze. "La Commissione ha detto inmodo chiaro che cio' che e' sul tavolo e' insufficiente. Cosacon cui sono d'accordo", ha affermato la Merkel. La replica del governo italiano e' affidata asottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi: Berlino"rispetti" Roma, pensi ai propri problemi e dia un "contributoimportante" all'Europa: La

(AGI/AFP) - Berlino, 7 dic. - Le riforme in Italia e in Franciasono insufficienti. E' il giudizio espresso dal Cancellieretedesco Angela Merkel in una intervista al Die Welt pubblicataoggi, ad una settimana dalla tregua di Bruxelles a Roma e aParigi per migliorare le finanze. "La Commissione ha detto inmodo chiaro che cio' che e' sul tavolo e' insufficiente. Cosacon cui sono d'accordo", ha affermato la Merkel. La replica del governo italiano e' affidata asottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi: Berlino"rispetti" Roma, pensi ai propri problemi e dia un "contributoimportante" all'Europa: La logica dei compiti a casa e'finita". "Dispiace molto - afferma in una nota ilsottosegretario - che le riforme avviate dal governo Renzi, chehanno ricevuto un coro internazionale di apprezzamenti, dalPresidente degli Stati Uniti Obama al Fondo Monetario, sianoritenute insufficienti dal Cancelliere tedesco Merkel", che inun'intervista a Die Welt le ha ritenute "insufficienti". "Oltre la questione dei contenuti -aggiunge Gozi- ce n'e'anche una di stile. Non sta ai capi di governo interpretare leopinioni della Commissione europea. Il governo italiano non sie' mai permesso di dare pagelle su un Paese membro della Unionee chiediamo lo stesso rispetto alla Germania". "Nessuno-sottolinea- pensa di bacchettare Berlino o dare lezioni adaltri governi. I tempi e la logica sbagliata dei a compiti acasaa sono dietro di noi: la ragioneria e le pagelle devonofinalmente lasciare il posto alla politica. Forse laCancelliera Merkel potrebbe concentrare la sua attenzione sulladomanda interna, sulla mancanza di investimenti o suglisquilibri della bilancia dei pagamenti tedesca. Sarebbe uncontributo importante che la Europa aspetta da tempo da partedi Berlino e che sinora non e' arrivato. Noi siamo impegnati inun difficile lavoro di riforma nella interesse della Italia, macon la convinzione che portera'  importanti benefici a tutta lazona euro". (AGI).