M. O.: Obama, molto preoccupati; condanniamo violenza

(AGI) - Washington, 16 ott. - Gli Stati Uniti sono "moltopreoccupati" per la situazione in Medio Oriente "e condannanonella misura piu' forte possibile ogni violenza contro gliinnocenti". Lo ha detto il presidente Barack Obama interpellatodurante la conferenza stampa congiunta con l'omologa dellaCorea del Sud, mentre continuano gli scontri tra le forze disicurezza israeliane e manifestanti palestinesi in quella cheda alcuni osservatori e' stata definita la "terza intifada". "Riteniamo che Israele abbia il diritto di far rispettarela legge, l'ordine e di difendere i propri cittadini dagliattacchi con i coltelli e dalla violenza

(AGI) - Washington, 16 ott. - Gli Stati Uniti sono "moltopreoccupati" per la situazione in Medio Oriente "e condannanonella misura piu' forte possibile ogni violenza contro gliinnocenti". Lo ha detto il presidente Barack Obama interpellatodurante la conferenza stampa congiunta con l'omologa dellaCorea del Sud, mentre continuano gli scontri tra le forze disicurezza israeliane e manifestanti palestinesi in quella cheda alcuni osservatori e' stata definita la "terza intifada". "Riteniamo che Israele abbia il diritto di far rispettarela legge, l'ordine e di difendere i propri cittadini dagliattacchi con i coltelli e dalla violenza sulle strade", haaffermato Obama invitando le parti a non incitare gli animi."Riteniamo altrettanto importante - ha aggiunto Obama - che ilprimo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e gli altrifunzionari eletti nonche' il presidente Abbas e coloro che sitrovano in posizioni di potere, abbassino i toni della retorcache alimentano le violenza, la rabbia e l'incomprensione". Ilpresidente americano ha dunque ribadito "come l'unico modo, neltempo, perche' Israele diventi veramente sicuro e perche' ipalestinesi possano vedere le loro aspirazioni realizzare, e'quello dei due stati che vivono il pace e sicurezza. "Per ora -ha concluso - tutti devono impegnarsi ad evitare che venganouccise persone innocenti". (AGI).