Libia: libero medico italiano, stallo nei negoziati sotto egida dell'Onu

(AGI) - Roma - Mentre i colloqui sotto egida Onu perlaformazione di un governo di unita' nazionale in Libia sono inalto  

(AGI) - Roma, 9 giu. - Mentre i colloqui sotto egida Onu perlaformazione di un governo di unita' nazionale in Libia sono inalto mare, da Tripoli giunge la notizia della liberazione delmedico italiano Ignazio Scaravilli, rapito il 6 gennaio.Scaravilli e' stato rilasciato con i buoni uffici del governoislamista di Tripoli ed e' in buone condizioni di salute.Dovrebbe essere rimpatriato entro un paio di giorni. Scaravilliera stato visto l'ultima volta alla conclusione del suo turnodi lavoro all'ospedale di Dar Al Wafa, a Tripoli. Scaravilliera stato rapito da un gruppo di criminali comuni e jihadistilegato ad Ansar-al-Sharia, il gruppo libico che si e' schieratocon l'Isis. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella,ha appreso con soddisfazione la notizia della liberazione delmedico Ignazio Scaravilli, rapito in Libia nello scorsogennaio, e ha ringraziato tutte le autorita' che hanno resopossibile la positiva conclusione della vicenda. Intanto sulfronte dell'imepgno Onu per la stabilizzazione della Libia siregistra una nuova battuta d'arresto. Il Parlamento libico diTobruk, riconosciuto dalla comunita' internazionale, harespinto la quarta bozza di accordo per un governo di unita'nazionale proposta dall'inviato speciale dell'Onu BernardinoLeon. Lo ha riferito un parlamentare, Tareq al-Jouroushi,aggiungendo che Tobruk ha inoltre vietato a qualsiasi suorappresentante di partecipare alla riunione in programma questasera a Berlino con alti funzionari dei cinque Paesi membripermanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu, dell'Ue e ditre Paesi europei (Germania, Spagna e Italia) annunciata inprecedenza dal portavoce della missione delle nazioni Unite."Una maggioranza di deputati ha votato contro la proposta", haspiegato al-Jouroushi al telefono. In precedenza, invece,l'inviato Onu Bernardino Leon aveva sostenuto che dalle fazionilibiche riunite in Marocco per i colloqui di riconciliazione e'arrivata una "risposta positiva" alla quarta bozza di accordo."Tutto quello che posso dire per il momento e' che la rispostae' stata positiva", ha affermato Leon, avvertendo che perraggiungere un accordo ci vorra' tempo". Per l'intesa "abbiamobisogno del forte sostegno dei gruppi armati", ha aggiunto ildiplomatico spagnolo. (AGI).