Libano: arrestati cinque sospetti terroristi ad Arsal

(AGI) - Beirut, 14 giu. - Le forze di sicurezza libanesihanno arrestato cinque sospetti terroristi nella citta' diArsal, al confine con la Siria. Secondo un comunicatodell'esercito siriano, gli arresti sono avvenuti nel finesettimana e sono a carico di tre cittadini libanesi e duesiriani. Tutti apparterrebbero a gruppi terroristici, ma none' ancora chiaro se siano membri del Fronte al Nusra o delloStato islamico. Anche i due cittadini siriani fermati ad alFaour, nella Valle della Bekaa, appartengono adorganizzazioni terroristiche. Gli arresti giungono a meno di una settimana dal rapportodel comandante dell'esercito, generale

(AGI) - Beirut, 14 giu. - Le forze di sicurezza libanesihanno arrestato cinque sospetti terroristi nella citta' diArsal, al confine con la Siria. Secondo un comunicatodell'esercito siriano, gli arresti sono avvenuti nel finesettimana e sono a carico di tre cittadini libanesi e duesiriani. Tutti apparterrebbero a gruppi terroristici, ma none' ancora chiaro se siano membri del Fronte al Nusra o delloStato islamico. Anche i due cittadini siriani fermati ad alFaour, nella Valle della Bekaa, appartengono adorganizzazioni terroristiche. Gli arresti giungono a meno di una settimana dal rapportodel comandante dell'esercito, generale Jean Kahwagi, nel qualeaffermava che tutti i valichi di confine dell'area erano sottoil controllo delle Forze armate, rendendo impossibile per ijihadisti infiltrarsi nella citta' di Arsal. Da inizio giugnol'esercito ha inviato una circa 750 militari nella zona permonitorare le aree piu' a rischio. I militari hanno anchecreato una linea di difesa nella parte settentrionale dellaValle della Bekaa, al fine di controllare i movimenti deimiliziani jihadisti. I terroristi islamici sono attivi nellaperiferia montuosa di Arsal dalla primavera del 2014, inseguito alle offensive lanciate dai guerriglieri sciiti diHezbollah e dell'esercito siriano nella regione del Qalamounche hanno costretto migliaia di terroristi a ripiegare inLibano. (AGI).

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it