Le 7 volte in cui Trump disse che attaccare la Siria è una stupidaggine

Nel 2013 raffica di tweet (e insulti) contro l'amministrazione Obama

Le 7 volte in cui Trump disse che attaccare la Siria è una stupidaggine

Per sette volte Donald Trump, prima di diventare presidente, criticò in maniera molto dura la politica di Barack Obama sulla Siria, soprattutto la decisione di colpire le forze lealiste di Bashar al-Assad. Una mossa, diceva allora, che non avrebbe portato altro che guai. Ma era il 2013 e non solo era lontano dalla Casa Bianca e dai briefing della Cia e del Pentagono sulla situazione sul campo, ma anche dalla nomination repubblicana che lo avrebbe visto sfidare, nella corsa alle elezioni presidenziali, la democratica Hillary Clinton.

Ecco cosa sosteneva in una pioggia di tweet:

Serve l'approvazione del Congresso prima di attacacre la Siria. Grosso errore se (Obama) non la chiede

Perchè continuiamo a trasmettere in diretta gli attacchi sulla Siria? Perché non possiamo semprlicemnete stare zitti e, se attacchiamo, prenderli di sorpresa?

Di nuovo, al nostro leader molto sciocco: non attaccare la Siria: Se lo fai accadranno molte cose brutte e da questa battaglia gli Stati Uniti non otterranno nulla!

Presidente Obama, non attaccare la Siria. Non c'è alcun lato positivo e grandi svantaggi. Risparmia la polvere da sparo per un altro (e più importante) giorno!

No sciocco, Io non vorrei entrare in Siria, ma se lo facessi sarebbe di sorpresa e senza sbandierarlo su tutti i media come gli scemi.

Se continuiamo a fare gli stupidi ed entriamo in Siria (guardate la Russia), così come dicono al cinema, PRIMA SPARA  e POI PARLA.

Lasciate che la Lega Araba si occupi della Siria. Perchè questi ricchi Paesi arabi non stanno pagando noi per l'enorme costo di tale attacco?